Genova, proseguono le ricerche dei due dispersi

di Francesca Porta 

Giornata di lutto cittadino per ricordare le vittime dell'incidente al porto. Intanto continuano le operazioni per il recupero dei dispersi

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


La nave si è schiantata contro il molo Giano - Foto Ansa

La nave si è schiantata contro il molo Giano - Foto Ansa

Due persone mancano ancora all'appello. A ormai quasi 36 ore dal terribile incidente al porto di Genova, i vigili del fuoco e i sommozzatori sono costantemente al lavoro nel tentativo di individuare gli ultimi due dispersi, il maresciallo della Guardia Costiera Francesco Cetrola, 38 anni, e il sergente Gianni Jacoviello, 33 anni.

Secondo gli accertamenti dei soccorritori, al momento dello schianto della Jolly Nero contro il molo Giano i due uomini si trovavano all'interno della torre di controllo. Quando la struttura è crollata, è probabile che Cetrola e Jacoviello siano precipitati in mare e che ora si trovino sotto le lastre di vetro scuro che circondavano la parte più alta della torre. Le speranze di ritrovarli vivi sono pressoché nulle.

Purtroppo è presumibile che i loro nomi andranno ad allungare l'elenco delle vittime della tragedia, al momento composto da sette persone: Daniele Fratantonio, 30 anni; Davide Morella, 33 anni; Michele Robazza, 31 anni; Marco De Candusso, 35 anni; Maurizio Potenza, 50 anni; Sergio Basso, 50 anni; Giuseppe Tusa, 30 anni.

In loro memoria oggi il sindaco di Genova Marco Doria ha proclamato una giornata di lutto cittadino e ha organizzato un corteo per le strade del centro «per testimoniare il cordoglio della comunità genovese e la solidarietà delle vittime, ma anche «per esprimere la volontà della città di reagire alla disgrazia e superare questo momento di dolore». Alle ore 11 tutti i negozi e le attività commerciali della città osserveranno 15 minuti di chiusura, mentre i sindacati hanno proclamato tre ore di sciopero.

Intanto, continuano le indagini della Procura nel tentativo di ricostruire quanto accaduto. Secondo le testimonianze del pilota della Jolly Nero, Antonio Anfossi, e del comandante Roberto Paoloni (entrambi indagati per omicidio colposo), la nave sarebbe andata in avaria durante la manovra di uscita dal porto.

«All'improvviso la nave non rispondeva più ai comandi», ha dichiarato Anfossi. «Era fuori controllo. Abbiamo provato a fermarci, ma è stato tutto inutile. Piango per i piloti e militari scomparsi, e al contempo voglio capire cosa è accaduro, come questo disastro si sia potuto verificare».

Leggi anche:

>>Incidente nel porto di Genova: nave contro torre di controllo

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD