Comunali, l'ira di Grillo: «Chi vota Pd e Pdl condanna il Paese»

di Francesca Porta 

Dopo il crollo di consensi registrato alle elezioni amministrative, il leader del Movimento 5 Stelle attacca chi ha votato gli altri partiti

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Beppe Grillo - Foto Ansa

Beppe Grillo - Foto Ansa

«Non diamo la colpa ai giornalisti o ai talk show, per favore. Non è giusto. Il risultato delle elezioni comunali non è il frutto di cittadini disinformati. Non si tratta di italiani che hanno sbagliato per consuetudine o per dabbenaggine, ma di persone pienamente responsabili della loro scelta». È questa l'analisi del voto fatta da Beppe Grillo all'indomani di queste combattute elezioni amministrative.

Scrivendo sul suo blog, il comico genovese ha fatto i conti con il crollo dei consensi del Movimento 5 Stelle e ha indicato come colpevole del risultato «l'Italia del "teniamo famiglia"». Secondo Grillo, infatti, esistono due Italie: «La prima, che chiameremo Italia A, è composta da chi vive di politica, da chi ha la sicurezza di uno stipendio pubblico, dai pensionati (dedotte quelle minime, che sono una vergogna)».

È questa Italia, dice Grillo, che è «interessata allo status quo», che «vota per sè stessa e poi per il Paese», che porta una bandiera con scritto «teniamo famiglia». Questa Italia, continua il leader del movimento sul suo blog, è ben diversa dall'Italia B, quella composta da «lavoratori autonomi, cassintegrati, precari, piccole e medie imprese, studenti».

«L'Italia A non può vivere senza il contributo fiscale dell'Italia B, ma quest'ultima sta morendo, ogni minuto un'impresa ci lascia per sempre», scrive Grillo nel suo sfogo post-elettorale. «Vi capisco comunque, la pensione, in particolare se doppia o superiore ai 5000 euro, è davvero importante. Lo stipendio vi fa sopravvivere, che sia pubblico o politico non ha importanza. Vi capisco, ma state condannando il Paese a una via senza ritorno».

E il Movimento 5 Stelle? Che ruolo ha in questo calo di consensi? «Il M5S ha commesso errori, chissà quanti» - ammette Grillo - «ma è stato l'unico a restituire 42 milioni di euro allo Stato, a tagliare lo stipendio dei parlamentari e a destinare i tre quarti di quello dei consiglieri regionali siciliani alla microimpresa. Ringrazio tutti coloro che hanno "rischiato" dando il loro voto al movimento».

Leggi anche:

>>Elezioni comunali, i risultati definitivi

>>Comunali, Roma (e non solo) al ballottaggio

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD