Papa Francesco a Lampedusa tra i migranti

di Francesca Porta 

Oggi il Pontefice ha incontrato i profughi e i rifugiati sbarcati a Lampedusa: «Prego per voi e per chi non c'è più»

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti

<<>0
1/

Il primo viaggio di Papa Francesco è stato un viaggio speciale. Breve (è infatti durato poco più di quattro ore), ma ricco di significato e carico di commozione. Il nuovo Pontefice ha infatti scelto di recarsi nell'isola di Lampedusa.

È una meta insolita per un Papa. Ma Bergoglio, si sa, non è certo un Papa "solito". Il Santo Padre è arrivato sull'isola questa mattina presto, in aereo, e si è immediatamente imbarcato su una motovedetta della Guardia Costiera per raggiungere il molo Favarolo, dove ad attenderlo c'erano decine di migranti.

Prima di sbarcare, il Pontefice ha lanciato in mare una corona di fiori e si è raccolto in preghiera per ricordare tutti migranti morti in mare. Poi è sceso a terra e ha stretto le mani dei tanti presenti. «Vi saluto tutti e vi ringrazio per l'accoglienza», ha detto Papa Francesco ai migranti, per lo più giovani, che sono accorsi a salutarlo. «Oggi sono qui per pregare per voi e per chi non c'è più».

>>IN ESCLUSIVA SU VANITY FAIR.IT: Le foto del viaggio del Papa scattate da Massimo Sestini

Il Santo Padre ha dunque attraversato le strade dell'isola per arrivare al campo sportivo, dove ha indossato i paramenti viola (colore solitamente utilizzato durante i funerali e le celebrazioni penitenziali) e ha celebrato la messa. «A spingermi a venire qui sono state le notizie degli immigrati morti in mare, da quelle barche che invece di essere vie di speranza sono state vie di morte», ha detto il Papa durante l'omelia. «Queste notizie sono state come spine nel mio cuore».

Papa Francesco si è dunque rivolto ai migranti cristiani e ai migranti musulmani («un pensiero a chi sta iniziando il digiuno del Ramadan, con l'augurio di abbondanti frutti spirituali»), assicurando che «la Chiesa vi è vicina nella ricerca di una vita più dignitosa per voi e le vostre famiglie». Il Pontefice ha inoltre salutato i lampedusani, ringraziandoli per «essere un meraviglioso esempio di solidarietà».

Ma la parte più importante dell'omelia del Santo Padre è stata dedicata alle migliaia di migranti morti in mare, nel tentativo di raggiungere Lampedusa. In particolare, il Papa ha parlato di una «cultura del benessere» che ha portato a una «globalizzazione dell'indifferenza». «Chi ha pianto questi morti?», ha chiesto il Papa. «Chi ha pianto per queste persone? Siamo una società indifferente, che ha dimenticato l'esperienza del piangere. Dobbiamo chiedere perdono per la nostra indifferenza».

Intanto, nella notte un nuovo barcone carico di immigrati è arrivato sull'isola. L'imbarcazione, con a bordo 166 persone, è stata intercettata in mare dalle motovedette della Guardia di Finanza e condotta in porto.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD