Concorso scuola: come funziona il test di preselezione

di Cinthia Mantegazza 

Tipi di quesiti, regole di valutazione e tempi strettissimi. Ecco come prepararsi al concorsone...

Cinthia Mantegazza

Cinthia Mantegazza

ContributorLeggi tutti


Foto Corbis Images

Foto Corbis Images

La prima prova a cui gli iscritti al concorso della scuola saranno chiamati è il test di preselezione computer-based, unico per tutte le classi di concorso. Diversamente da altre prove simili, non si tratterà di veri e propri quiz di cultura generale. Il test sarà composto di 50 domande a risposta multipla suddivise in:

- 18 quesiti di logica (logica verbale, ragionamento numerico, ragionamento astratto, ecc.)
- 18 di comprensione del testo (deducibilità, coerenza/incoerenza, attribuzione del titolo, inserimento di parole, ecc.)
- 7 domande sulle competenze digitali
- 7 sulla conoscenza di una lingua straniera (scelta dal candidato/a tra inglese, francese, spagnolo e tedesco)

Il tempo per svolgere la prova sarà di 50 minuti (in media, 1 minuto per domanda). Ciascuna risposta varrà 1 punto se corretta, 0 punti se non data, -0,5 punti se errata. Il punteggio minimo richiesto per superare la prova è 35/50.

Delineato questo quadro, è chiaro che il test sarà altamente selettivo, sia per il numero delle domande a fronte del tempo a disposizione, sia per la soglia minima di punteggio a cui mirare: 35 punti non sono pochi visto che eventuali errori vengono penalizzati con mezzo punto in meno.

Molto importante è dunque organizzarsi per una preparazione efficace e mirata. I corsi e i libri a tema si sono moltiplicati subito dopo la pubblicazione del bando di concorso (qualche testo è addirittura entrato nelle classifiche dei bestseller di novembre…), ma che affidabilità hanno? Il nostro consiglio è di scegliere con buon senso e… "provare, provare, provare", allenandosi alla velocità e alla varietà. Poi, 20 giorni prima del test, il Ministero renderà nota la cosiddetta "banca dati" dei quesiti d'esame, e a quel punto sarà possibile perfezionare la preparazione su domande reali.

Restano dubbi su alcuni aspetti pratici ma non secondari a cui è bene arrivare psicologicamente preparati. Ad esempio, non è chiaro se durante la prova saranno forniti carta e penna, un supporto indispensabile per certi tipi di quesiti (proporzioni, insiemistica e simili), meglio essere pronti ad arrangiarsi…

E infine, che aspetto avrà il test? I vari simulatori disponibili in rete sono tutti diversi. L'usabilità delle interfacce, come sanno gli esperti in materia ma anche i semplici utenti, è un tema molto delicato. Anche qui, l'unica cosa che si può fare al momento è provarne quanti più possibile in modo "tattico".

Per concludere, è chiaro che prepararsi si può ed è importante, ma come sempre in questi casi entreranno in gioco fattori imponderabili come il caso e la prontezza di spirito.

Leggi anche:

>>Concorso scuola: facciamo il punto della situazione

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD