Cgil contro lo spot di McDonald's: «Pubblicità ingannevole»

di Francesca Porta 

La multinazionale del fast food annuncia 3000 assunzioni nei prossimi tre anni. Ma il sindacato parla di «contratti precari»

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto Getty Images

Foto Getty Images

«L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro. 3000 nuovi posti li mettiamo noi». È questo lo slogan della nuova pubblicità di McDonald's. Il messaggio arriva forte e chiaro: in un momento di grave crisi economica, la celebre multinazionale del fast food annuncia l'assunzione di 3000 lavoratori nei prossimi tre anni.

«Noi di McDonald's nell'Italia ci crediamo», si legge sulle pagine pubblicitarie dei quotidiani e sui cartelloni affissi in tutte le città. Nello spot televisivo, diretto dal regista premio Oscar Gabriele Salvatores, si dice inoltre che «da McDonald's pagano puntualmente tutti i mesi», che «si può diventare direttore di ristorante già a 27 anni» e che «il 90% dei dipendenti è a tempo indeterminato».

La campagna pubblicitaria, senz'altro efficacissima, ha scatenato le proteste delle Cgil, che ha parlato di «patinate comunicazioni pubblicitarie» a fronte di una «sistematica sottrazione dell'azienda al confronto» sul contratto integrativo e di rapporti fra le parti «pressoché inesistenti».

Tanto più che, dice il sindacato, conta anche la qualità del lavoro e tra i lavoratori di McDonald's c'è un alto tasso di precarietà. «L'80% dei lavoratori, non certo per scelta, ha un contratto a tempo parziale di poche ore settimanali, con il sistematico obbligo di prestare servizio in orario notturno, domenicale e festivo». E lavorare poche ore a settimana, ovviamente, significa percepire uno stipendio piuttosto basso.

La Cgil accusa dunque la multinazionale di «retorica, sensazionalismo e strumentalizzazione». Ma McDonald's non ci sta: «Consideriamo fuori luogo queste critiche, che arrivano proprio nel momento in cui annunciamo nuove assunzioni», ha replicato l'azienda. «In questi primi giorni del 2013 abbiamo assunto 200 persone. A tempo indeterminato. Certo, molti contratti sono part-time, modalità assolutamente a norma di legge e che per alcuni può essere un'opportunità, come per gli studenti-lavoratori (il 30% della nostra forza lavoro)».

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD