DALLA SOCIETA'18:17 - 25 novembre 2009

Contro la violenza sulle donne. tutte unite.

La giornata internazionale contro la violenza sulle donne è un momneto in più per dire "basta"

di Greta Privitera
<p>Contro la violenza sulle donne. tutte unite.</p>

Troppe le donne che hanno vissuto sulla loro pelle un episodio di violenza. Talmente tante che la comunità internazionale si è sentita in dovere d'istituire la  Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, promossa dalle Nazioni Unite nel 1999 per sensibilizzare i governi e le società civili. Ed è oggi, 25 novembre. Cosa si dice in questi casi? Auguri? Non credo. In Italia una donna su tre, tra i sedici e i settanta anni, è stata vittima della violenza di un uomo.  Un milione hanno subito uno stupro o un tentato stupro. Il 6,6 per cento delle donne ha subito una violenza sessuale prima dei sedici anni, e più della metà di loro non lo ha mai confidato a nessuno. E' questo che fa schifo. Nessuno. Donne ferite che nascondono le ferite. E questo perché accade? Molto spesso le violenze avvengono in casa e diventano abitudini domestiche da cui è difficile scappare, e, soprattutto, rendono ancora più complicato riuscire a denunciarle. E non sono solo le violenze fisiche. Quante sono stanche di non sentirsi sicure di uscire la sera da sole? E delle avance del capo ufficio? E sono tante le iniziative in tutta Italia, una tra tutte "Take Back the night", un corteo multietnico armato di utensili da cucina insanguinati che ieri sera ha invaso piazza Vittorio a Roma attraversando la città ( XL).

Noi pensiamo che: Questa giornata deve risvegliare dal silenzio tutte quelle tragiche situazioni che le nostre madri, le sorelle e le figlie sono costrette a vivere ogni giorno.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).