DALLA SOCIETA'12:39 - 03 dicembre 2009

Calano le vittime di tumore, tra queste aumentano però le donne

Calano le morti da cancro, ma il fumo e l'alcol uccidono ancora

di Lavinia Farnese
<p>Calano le vittime di tumore, tra queste aumentano però le
donne</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Il cancro uccide ancora. Ma meno. Aspettiamo però a tirare un sospiro di sollievo, perché se in Europa grazie a cure e diagnosi precoce diminuiscono rispetto a dieci anni fa casi e tassi di mortalità (del 10%, si è calcolato), il fumo e l'alcol fanno nuove vittime: donne, soprattutto, che hanno fatto proprie abitudini prima solo dell'uomo (come appunto sigaretta e whiskey). E tante dell'Europa dell'Est, della Russia. A pubblicare tutti i dati è la rivista scientifica Annals of Oncology: nei 27 Stati membri dell'Ue, siamo passatati da 185 uomini vittime del cancro dal 1990 al 1994 (ogni 100mila abitanti), a 168 dal 2000 al 2004. Stesso declino per le vittime rosa, che dalle 105 di allora sono oggi 97. Muoiono di più gli uomini in Ungheria, Repubblica Ceca, Polonia, Svezia. Sani i finlandesi e gli svizzeri. Muoiono di più le donne in Danimarca, Ungheria, Scozia. Sane le spagnole, le greche e le portoghesi.

Noi pensiamo che: I ricercatori hanno rilevato che i Paesi con più morti da tumore sono anche, ancora, quelli in cui si fuma di più. Come non bisogna darsi agli eccessi del catastrofismo o del proibizionismo, così però non bisogna neanche cadere nell'errore di pensiero del "Tanto capita sempre agli altri". Nei limiti del destino, piuttosto, è bene sempre prendersi cura di sé. Non a caso, seguiva il "per non sapere né leggere né scrivere" delle nonne: "Nessuno ti vuole più bene di te".


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).