DAI PALAZZI16:43 - 01 dicembre 2009

Fini e i fuori onda

Un fuori onda un pò rischioso per Gianfranco fini che parla di Berlusconi e delle sue magagne politiche

di Greta Privitera
<p>Fini e i fuori onda</p>

No Gianfranco, no, abbassa la voce Gianfranco, ti sentono tutti. Troppo tardi. Pescara. 6 novembre scorso. Il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, alla giornata conclusiva del "Premio Borsellino" discutendo amichevolmente con il Procuratore della Repubblica, Nicola Trifuggi, parla delle vicende d'attualità tra cui quelle che riguardano Silvio Berlusconi. Piccolo particolare: lui era convinto che la conversazione si svolgesse a microfoni spenti.  Qui di seguito parte del dialogo avvenuto tra i due:

Trifuoggi: "Però comunque si devono fare queste indagini"

Fini: "E ci mancherebbe altro"

Fini: "No ma lui, l'uomo confonde il consenso popolare che ovviamente ha e che lo legittima a governare, con una sorta di immunità nei confronti di... qualsiasi altra autorità di garanzia e di controllo... magistratura, Corte dei Conti, Cassazione, Capo dello Stato, Parlamento... siccome è eletto dal popolo...

Trifuoggi: "E' nato con qualche millennio di ritardo, voleva fare l'imperatore romano"

Fini: "Ma io gliel'ho detto... confonde la leadership con la monarchia assoluta.... poi in privato gli ho detto... ricordati che gli hanno tagliato la testa a... quindi statte quieto"

Noi pensiamo che:  Berlusconi si metterà la mani nei capelli… quelli rimasti.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).