DALLA SOCIETA'12:52 - 10 dicembre 2009

Alì Agca presto libero

L'attentatore di Papa Wojtyla fuori dal carcere il 18 gennaio

di Lavinia Farnese
<p>Alì Agca presto libero</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Sparò a Papa Wojtyla, e i suoi proiettili gli penetrarono l'addome, oltre la veste bianca, il 13 maggio del 1981 in Piazza San Pietro, quella mattina che tutti si ricordano. Alì Agca, oggi 52 anni di cui 33 passati in galera, ha pagato il suo debito con la giustizia italiana e con quella turca, e sarà libero il 18 gennaio. Nel carcere di massima sicurezza di Yunikent, 30 km da Ankara, dove è ancora rinchiuso in isolamento, oltre il vetro blindato del parlatorio si confida con un giornalista del Tempo: «Sono cristiano da quando il 13 maggio 2007 ho abiurato la fede musulmana. E per questo solo. Voglio una donna italiana da sposare. E pregare. Pregare sulla tomba di Wojtyla». E ancora, nel suo maglione azzurro: «Confido nell'aiuto dal cielo di Papa Giovanni Paolo II». La cui immagine ha appeso al muro, nella sua cella di tre metri per tre senza finestra, solo con una presa d'aria, a quattro metri s'altezza, in cui vive lontano, isolato, dagli altri detenuti di fede musulmana, ergastolani e terroristi curdi. «Giuro che sono cambiato: lo devo a quel fantastico Pontefice, che mi ha abbracciato nella cella del carcere romano di Rebibbia e mi ha chiamato "fratello" senza una parola di rimprovero. Quella voce, quel gesto, quel ricordo hanno scavato profondamente nel mio cuore, contribuendo alla mia rinascita di uomo e di fedele cattolico. Ecco perché sogno di tornare pacificamente in quella stessa piazza e testimoniare a tutto il mondo la mia conversione al Cattolicesimo. Papa Wojtyla aveva capito chi c'era dietro il mio folle gesto e aveva anche perdonato chi aveva armato la mia mano».

Noi pensiamo che: Chissà se Wojtyla da lassù gli perdonerà anche la richiesta sopra le righe per un'intervista esclusiva, con cui sembrerebbe stia sedando i giornali e le televisioni che già lo strattonano: due milioni di euro.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).