DAL WEB13:33 - 16 dicembre 2009

Sardegna, si vincono posti di lavoro

Una lotteria ch ecome premio ha un posto di lavoro

di Greta Privitera
<p>Sardegna, si vincono posti di lavoro</p>

La Smorfia accanto alla Bibbia, e la speranza che la dea bendata, un giorno, baci almeno sulla fronte. Milioni di italiani, ogni settimana, tentano la fortuna in uno di quei famosi giochi a premi basati sui numeri e il caso. E in Sardegna si unisce l'utile al dilettevole. Si fa una lotteria del lavoro: 180 mila tagliandi per un posto al supermercato. Sono stati estratti i primi 4 fortunati che vincono un posto di lavoro nelle strutture Sigma o Despar.  Nuovi sorteggi saranno ripetuti ogni mese.  Più di un decimo della popolazione dell'isola ha deciso di giocare a «Vinci il tuo posto di lavoro», o per sé o per un parente, visto che la vincita può essere ceduta. Gli assunti devono avere da 18 a 29 anni oppure, se disoccupati da tempo, sino a 32. Nel «Verbale di incontro»  si legge che «l'iniziativa intende modificare il sistema di fidelizzazione dei clienti mediante l'introduzione di un nuovo sistema, che consenta di destinare i costi normalmente individuati per l'operazione a premio in occasioni di lavoro». Insomma, un nuovo modo di farsi pubblicità,  e Antonello Basciu, direttore generale del Cs&D, spiega: «si tratta di un'operazione di marketing, indubbiamente. Ma si basa sul principio di dare lavoro ai nostri clienti, come un di più al di là dei programmi di sviluppo occupazionale già previsti. Ma se vi sarà l'espansione che pensiamo, potremo stabilizzare circa l'80% di queste assunzioni». Geniale, no?

 

Noi pensiamo che: in un periodo di crisi, come questo, la sicurezza di un lavoro non è fortuna di tutti. Certo, vincere  5 milioni di euro vorrebbe dire non avere più bisogno di un lavoro, forse, ma a noi piace chi si accontenta (e gode).


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).