DALLA SOCIETA'12:31 - 23 dicembre 2009

2009, che anno è stato davvero?

Il 2009 tra indagini e sondaggi

di Lavinia Farnese
<p>2009, che anno è stato davvero?</p>
PHOTO - - -

Fine anno, tempo di bilanci. E di sondaggi. Non solo quelli che decretano le star del 2009 (per Sky Tg24 in collaborazione con Coesis Research il presidente Usa Barack Obama , il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e, a sorpresa, del capo della protezione civile, Guido Bertolaso). Ma anche quelli che escono insieme lo stesso giorno, una sopra l'altra nelle home dei quotidiani online, contraddicendosi anche, parzialmente. L'Isae (Istituto di studi e analisi economica) racconta ad esempio oggi che la fiducia dei consumatori cresce, in questo dicembre, e raggiunge il livello massimo dal luglio del 2002, e così risale un po' quella china che dal gennaio 2007 aveva preso - complice certo la crisi - la pendenza di un precipizio.
Non sarebbe vero - come racconta la Doxa invece - che siamo un popolo di pessimisti, che ci vediamo piangenti quando all'estero poi così male non ci vedono. Miglioriamo anzi, sostiene sempre l'Isae, nelle opinioni sulla situazione personale, anche se poco ci aspettiamo dall'economia nazionale. La fiducia però - sarà che non lo è nemmeno l'economia - non è uniforme: ha un'impennata nel Nord Est e al Centro, cresce senza picchi nel Nord Ovest, è sopita, a tratti diminuisce nel Mezzogiorno.
Altra indagine, altra corsa. Certo di fiducia non si può parlare per quel 18 % degli italiani che ha almeno un parente senza più posto di lavoro per la crisi, e condivide l'occupazione delle fabbriche, si schiera dalla parte di chi protesta in difesa del posto con manifestazioni, scioperi, altoparlanti. Questo ce lo racconta l'indagine dell'Osservatorio Demos-Coop sul Capitale sociale. Per cui i giovani tornano a sognare il posto fisso, quatto persone su dieci pensano che la crisi durerà ancora per più di due anni, che la distensione sia ancora lontana, come lo è un miraggio. E questo spiega - almeno - tanta solidarietà: non ci si crede quasi, ma il 52 per cento tra gli elettori del Pdl, racconta Demos Coop, approva oggi le occupazioni.

Noi pensiamo che: Con più o meno fiducia, speriamo comunque in una ripresa. Dell'economia. E del nostro sorriso. Da troppo tempo (lo raccontano, lo è?) all'ingiù. Che anno è stato, davvero?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).