DAI PALAZZI12:18 - 24 dicembre 2009

Berlusconi, auguri e resoconti

L'intervento su mafia, sicurezza, economia

di Lavinia Farnese
<p>Berlusconi, auguri e resoconti</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Sconfiggerò la mafia, e vi prego, basta con le fabbriche del disfattismo, e con quest'atmosfera d'odio che ha ripercussioni negative non solo sulla politica, ma anche sugli investimenti e sui consumi, che l'Italia - l'ha detto il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti - in crisi ha tenuto e terrà. È il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, alla vigilia di Natale, in un collegamento telefonico da Arcore, dove sta trascorrendo convalescenza e feste, a Radio Anch'io, su Radiouno. È il momento degli auguri, tra auto elogio e buoni propositi. Sulla mafia, «un fenomeno patologico che noi vogliamo sconfiggere definitivamente negli anni che restano di questa legislatura». Sulla sicurezza. «Nonostante le accuse, nessun governo mai nella storia della Repubblica ha agito con così tanta determinazione e efficacia nella lotta alle organizzazioni criminali». Sull'economia. «La ripresa ci sarà perché tutti gli indicatori vanno in questa direzione. Senza ottimismo non si va da nessuna da parte. Fiducia, per uscire prima e meglio degli altri concittadini europei da questa crisi che certamente è grave e profonda e di cui noi italiani non abbiamo nessuna colpa». Sulla Finanziaria. «Il governo ha varato una Finanziaria da 9 miliardi di euro senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini». Sull'Abruzzo. «Risultati miracolosi, neanche gli inviati di una trasmissione televisiva ostile al governo sono riusciti a ottenere commenti critici da parte degli aquilani - ha detto il presidente del Consiglio - credo che sia da sottolineare il fatto che tutti i cittadini dell'Aquila cui lo Stato ha dato una casa moderna e con tutti i comfort al posto di quella distrutta, portino nei loro cuori un sentimento di gratitudine nei confronti di tutti gli operatori dello Stato. La lezione dell'Aquila è stata proprio questa: lo Stato, finalmente, ha fatto quello che uno Stato civile deve fare, ossia stare vicino ai cittadini quando hanno bisogno di essere aiutati».

Noi pensiamo che: Ci fa piacere sentire che il premier si sia ripreso. E..ottimismo, sì. Ma che il Governo ci metta del suo e, proprio in onore dell'ottimismo, nel 2010 s'impegni come ha raccontato Berlusconi, e di più. Sull'occupazione, soprattutto. Questo, crediamo, sia l'augurio più grande che possiamo farci. Sempre dopo la salute, s'intenda.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).