DAL WEB16:53 - 29 dicembre 2009

Allarme: bomba a Malpensa

E' stata trovato un pacco a Malpensa che ha fatto pensare ad una bomba

di Greta Privitera
<p>Allarme: bomba a Malpensa</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Poi si sa, diventa psicosi. E allora si ha più paura di volare, degli aeroporti, delle persone che camminano negli aeroporti. E proprio nell'aeroporto di Malpensa, lo scalo varesino, un allarme bomba fa tremare i viaggiatori, e non solo. Nei bagni davanti all'area check-in, un pacco sospetto è stato fatto brillare dagli artificieri, l'involucro sospetto era dotato di innesco e di una ricevente di una radio rudimentale. A lanciare l'allarme è stato il personale che si occupa delle pulizie che ha trovato il pacco, di forma quadrata legato con del nastro adesivo nero, in uno dei vani del bagno uomini. E' subito intervenuta la polizia che ha transennato l'area davanti ai check-in 10 e 11 e quella sovrastante, in attesa dell'arrivo degli artificieri. Il traffico aereo è sempre continuato regolarmente. La paura è tanta. Interviene telefonicamente a una trasmissione di Rai2, il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, che ha commentato gli eventi delle ultime ore, il fallito attentato in Usa e il rapimento dei due italiani rivendicato da Al Qaeda. "Non vorrei creare psicosi con l'allarme terrorismo. In questo secolo - ha spiegato La Russa - dobbiamo abituarci a convivere con il pericolo terrorismo. Soprattutto in questi giorni, a Natale, quando c'è tanta gente che viaggia per una festività cristiana e che potrebbe attirare ancora di più l'attenzione dei terroristi".


Noi pensiamo che: il pericolo di attacchi terroristici esiste, come hanno dimostrato gli ultimi giorni, ma è importante non farlo diventare una psicosi che chiude in casa e non fa vivere.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).