Dall'America a Napolitano su youtube

Rassegna stampa

di Greta Privitera
<p>Dall'America a Napolitano su youtube</p>

La paura e la tensione negli States resta ancora altissima. Intorno alle 17,30 italiane è scattato un allarme bomba downtown New York City. Solo alle 19 la polizia ha decretato la fine dell'emergenza e riaperto il flusso dei turisti. Per oltre un'ora Times Square e quattro fermate delle metropolitana vicine sono rimaste bloccate. A Times Square, come è noto, si svolge la festa di Capodanno. Poi si viene a sapere che gli Stati Uniti sapevano che "un nigeriano" avrebbe potuto colpire in un attentato nei giorni intorno a Natale. L'indicazione precisa era arrivata ai servizi segreti Usa da una fonte attendibilissima: gli 007 dello Yemen, il paese arabo da cui è partito il nuovo attacco di Al Qaeda e che proprio ieri ha ammesso di nascondere sul proprio territorio più di trecento miliziani di Bin Laden. Questa è solo una delle clamorose dimostrazioni della inefficienza dei servizi segreti che sono finite adesso sulla scrivania di Barack Obama.

Il regime iraniano usa un'altra arma, la piazza, e oggi centinaia di migliaia di persone hanno partecipato a Teheran e in molte altre città del Paese a raduni promossi dal regime stesso, che si è così ripreso la piazza dopo i sanguinosi incidenti avvenuti domenica nel corso di manifestazioni dell'opposizione. In serata l'agenzia ufficiale Irna ha affermato che i due leader principali della protesta, Mir Hossein Mussavi e Mehdi Karrubi, erano "fuggiti" da Teheran perché "impauriti" dalla reazione popolare. Poco dopo il figlio di Karrubi, Hossein, ha smentito la notizia, affermando che suo padre e Mussavi rimanevano a Teheran e continuavano a "rispondere alle richiese della gente". "Ma se sperano che mio padre fugga, questo desiderio se lo possono portare nella tomba", ha poi aggiunto.

Sempre di americani si parla ma questa volta in Afghanistan. 8 cittadini usa sono rimasti uccisi in Afghanistan a seguito di un attentato suicida. L'attentatore si è fatto esplodere all'ingresso di un avamposto nella provincia di Khost. Fonti afghane hanno detto che un kamikaze con un giubbotto imbottito di esplosivo è entrato nell'installazione e si è fatto saltare in aria. Tutti i morti erano civili, ha detto un portavoce americano.

Una decisione forte colpisce l'Italia: lui ha voluto mo rire con la stessa dignità con cui è vissuto,si tratta del trevigiano Renzo Betteti, 62 anni, malato dal febbraio scorso di Sla, sclerosi laterale amiotrofica. Un mese fa l'ex fi sioterapista aveva formalizza to la volontà di non essere sot toposto ad alcuna forma di ac canimento terapeutico. A ottobre, in una toccante intervista rilasciata ad Anten na Tre Nordest, Betteti aveva annunciato l'intenzione di non permettere alla sclerosi laterale amiotrofica, né alla sa nità pubblica né ad alcun tri bunale, di ridurlo ad un vege tale nell'ultimo scorcio della sua esistenza terrena: «Non me la sento di finire come una pianta in un vaso di fiori, che viene alimentata, non può parlare, ha gli occhi aper ti e il cervello che funzio na… ».

Il quirinale diventa 2.0. Infatti, con il messaggio di fine anno del presidente della Repubblica agli italiani, il Quirinale lancia domani il suo canale ufficiale su YouTube. Accessibile all'indirizzo www.youtube.com/presidenzarepubblica il canale raccoglierà filmati degli interventi più significativi dell'attività del capo dello Stato. Il canale YouTube della presidenza della Repubblica sarà aperto da un messaggio di benvenuto del presidente Napolitano: "Apriamo le porte del Quirinale ai tanti utenti dei nuovi media non solo per ampliare e rendere sempre più efficienti e moderni gli strumenti della nostra comunicazione ma anche per promuovere e favorire un rapporto sempre più stretto e trasparente con i cittadini". "Le nuove tecnologie - conclude Napolitano - non conoscono né barriere né frontiere. Ci incontreremo in questo spazio per costruire, insieme, occasioni di partecipazione alla vita democratica".


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).