Marina Senesi: la fiaccola sostenibile

La donna di oggi

di Greta Privitera
<p>Marina Senesi: la fiaccola sostenibile</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Si chiama Marina Senesi la tedofora che ha portato per prima la fiaccola alimentata da pannelli solari. Questa torcia accompagnerà la sesta edizione di M'illumino di meno, la campagna di sensibilizzazione alla sostenibilità energetica promossa da Caterpillar, trasmissione di Radio 2 Rai. Certo, il volto della Senesi non è tra i più conosciuti, ma l'attrice teatrale sta diventando famosa come madrina di questa iniziativa che prende il nome di La Torcia su Roma e che punta a sensibilizzare gli italiani sulle energie rinnovabili. Come una fiaccola olimpica, questo "bastone luminoso"  toccherà numerose città italiane in cerca di rifornimenti rinnovabili e arriverà il 12 febbraio a Roma, quando i Mercati Traianei si illumineranno con una coreografia di luci pulite per la festa del risparmio energetico. Sono ormai sei anni che M'illumino di meno coinvolge città italiane e estere in un momento di silenzio energetico, con lo spegnimento delle luci dei monumenti in ricordo dell'impegno preso con il Protocollo di Tokio.
Marina s'è lanciata nell'impresa al motto di «Meglio sole che male illuminati». Del resto, la Senesi è sempre stata molto sensibile ai temi dell'ambiente e, soprattutto, a quelli sociali. Per esempio, nella sua ultima opera teatrale, Se si può raccontare, Martina lavora sul tema del tabù delle malattie. Inoltre, era proprio lei l'inviata speciale, sempre per Caterpillar nel 2007, durante il Social Forum di Nairobi: un grande incontro della società civile mondiale per promuovere la globalizzazione della giustizia, dei diritti umani, della solidarietà e della democrazia.

Noi pensiamo che: arte e talento al servizio del pianeta. Vai, Marina, come un caterpillar: siamo con te.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).