DAL WEB11:14 - 08 gennaio 2010

È stato un bacio a fermare l'aeroporto di Newark

Si scopre che è stato un bacio a fermare l'aeroporto di Nwark il 4 gennaio

di Greta Privitera
<p>È stato un bacio a fermare l'aeroporto di Newark</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Un bacio alla sua ragazza. Oggi si scopre che questa è la ragione per cui il 4 gennaio scorso l'aeroporto americano di Newark, città del New Jersey vicina a New York City, ha subito ritardi e cancellazioni nei voli, dopo che un uomo è entrato in un'area di imbarco eludendo i controlli di sicurezza. Era solo una, sfrenata, voglia di dirle un'altra volta arrivederci. Secondo quanto spiega il quotidiano del New Jersey Star-Ledger, l'uomo, che non era un passeggero, ha raggiunto la zona dei controlli, la donna allora ha sollevato il nastro, quel famoso nastro che divide chi parte da chi sta,  permettendo a lui di entrare, potendosi così di nuovo baciare abbracciare. Dopo, camminando mano nella mano, non curanti di star trasgredendo rigide regole aeroportuali, i due si sono diretti verso l'aerea degli imbarchi prima di sparire dalla visuale. Una romantica bravata che è costata la chiusura di uno degli scali più importanti degli Stati Uniti.
Come era prevedibile, dopo il fallito attentato del volo diretto a Detroit del giorno di Natale, la tensione negli aeroporti di tutto il mondo è salita notevolmente, e ogni comportamento anomalo, tra cui baci di baciatori spericolati, crea il panico.  E anche in Italia si corre ai ripari. Oggi, il ministro dell'Interno Roberto Maroni, ha annunciato che al massimo entro tre mesi sarà avviata la sperimentazione dei body scanner, il sistema a raggi X che utilizza radiazioni a energia molto bassa, in grado di oltrepassare i vestiti e poco più, in tre aeroporti italiani: Fiumicino, Malpensa e Venezia. Il titolare del Viminale ha ribadito che la sicurezza negli aeroporti italiani è già stata rafforzata ed é ai massimi livelli. Quanto alla decisione di mettere il body scanner entro 2-3 mesi negli aeroporti di Malpensa, Fiumicino e Venezia è dipesa da fatto che, ha aggiunto Maroni «ci sono tratte che destano maggiore preoccupazione ». «Se poi - ha concluso - valuteremo che vi siano altri problemi su linee diverse, approfondiremo le questioni». In Italia, per ora, nessun romantico scambiato per terrorista.

Noi pensiamo che: che peccato dover trattenere la passione in nome della lotta al terrorismo. Ma ci tocca.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

marisa 83 mesi fa

...che per quanto "ad energia molto bassa", sempre radiazioni sono..sicuramente non un toccasana per la salute, non so quanto lo siano realmente anche ai fini della "lotta al terrorismo".... beh, saranno contenti gli addetti ai controlli...:)

selma 83 mesi fa

già non è il massimo per l'ecologia prendere l'aereo..ora ci si mettono anche le "radiazioni"ad energia molto bassa, il massimo per la salute..altro che problemi di privacy!! ps: oltre alla passione con il body scanner in nome della lotta al terrorismo dovremo trattenere anche la pancia!:P

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).