DAL MONDO18:26 - 14 gennaio 2010

L'ex della Betancourt: «Ingrid, avida e bigotta»

In un libro in uscita in Francia l'Ingrid segreta

di Carla Bardelli
<p>L'ex della Betancourt: «Ingrid, avida e bigotta»</p>

«Egoista, molto interessata ai soldi, ossessionata da Dio». Così Juan Carlos Lecompte, ex marito di Ingrid Betancourt, descrive l'ex ostaggio delle Farc in un libro dal titolo Ingrid et moi, une verité douce-amère, (edizioni Plon), che uscirà in Francia il 21 gennaio. La Betancourt, prigioniera delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia dal 2002 al 2008, ora vive tra le Seychelles, Parigi e New York, dove abita la figlia ventiquattrenne Melanie, avuta dal primo marito, il diplomatico francese Fabrice Delloye, da cui ha avuto anche un maschio, Lorenzo, che di anni ne ha 20 e frequenta l'Institut d'étude politique de Paris, la stessa università dove ha studiato Ingrid
Ma è il secondo marito di Ingrid, Lecompte, a crearle grane. Nel libro, rivela dettagli sul giorno del rilascio della Betancourt: «Quando siamo arrivati a casa di sua madre, la prima notte dopo la liberazione, non ha fatto altro che parlarmi di Dio, senza potersi separare dal suo crocifisso e dal rosario. Ci ha raccontato di aver visto la Vergine, due settimane prima della liberazione», dice Lecompte nel suo libro, dove specifica più volte di essere stato totalmente ignorato dalla donna che ha atteso per anni. «Quando mi sono avvicinato a lei, mi ha dato un buffetto sulla guancia, come per calmare un cane gentile, ma troppo pressante», scrive ancora.
Dopo essere stata trattata da «egoista e arrogante» nel libro della sua amica e compagna di prigionia Clara Rojas, l'immagine della Betancourt, che sta mettendo in piedi un progetto di film autobiografico, i cui diritti sono stati acquisiti dalla prestigiosa  produttrice hollywoodiana Kathleen Kennedy, ne esce ancora una volta scornata.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).