DALLA SOCIETA'18:00 - 14 gennaio 2010

Naso elettronico fiuta il terrorista

In aroporto i nasi elettronici che fiutano i terroristi

di Greta Privitera
<p>Naso elettronico fiuta il terrorista</p>

Si chiama Hamlet e non ha nulla a che fare con il romantico «essere o non essere». Anzi. È un naso elettronico che, se nascosto  tra le mura degli aeroporti, può scovare possibili attentatori con in tasca un esplosivo o anche solo i composti chimici per realizzare una bomba. Sviluppato dai ricercatori del Fraunhofer Institute for Communication, a Wachtberg in Germania, Hamlet lancia l'allarme quando sente odore di esplosivo e capta i movimenti sospetti delle persone per capire chi lo sta nascondendo sotto i vestiti o nella valigia, fino a "indicare" il colpevole alle guardie. Pensate alle centinaia di persone che di fretta attraversano il lungo corridoio dell'aeroporto tra i terminal A e B. Poi immaginate anche che tra di loro ci sono due terroristi che si mischiano nella folla. Stanno portando in piccoli contenitori sostanze chimiche, i singoli componenti di un esplosivo. Ma c'è qualcosa che i criminali non sanno (forse ora sì). Oltre a essere osservati dalle telecamere di sicurezza, i nasi tecnologici li stanno annusando. I sensori dell'odore daranno l'allarme alla polizia aeroportuale, che rileverà il problema sulle sue apparecchiature di monitoraggio. E il gioco è fatto.
Il prototipo, spiega Wolfgang Koch che ha coordinato i lavori per la sua realizzazione, è stato testato in collaborazione con le forze armate tedesche simulando la ricerca di cinque terroristi.

Noi pensiamo che: ma che fine faranno i cani e il loro fiuto?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).