DALLA SOCIETA'14:34 - 15 gennaio 2010

Pechino, bloccato Mr gay

Concorso di bellezza bloccato a Pechino per i gay

di Greta Privitera
<p>Pechino, bloccato Mr gay</p>

Ci sono cascati tutti. Stupiti, abbiamo creduto subito alla notizia che Pechino avesse detto sì al concorso di bellezza per omosessuali. Sono passate solo poche ore dall'annuncio, ed è subito arrivata la smentita: la manifestazione è stata bloccata dalla polizia. Lo hanno reso noto gli organizzatori del concorso, che era stato salutato come una nuova apertura del regime verso la comunità omosessuale nel Paese. Si doveva svolgere al Lan Club, un popolare locale notturno della capitale, e si prevedevano circa 200 partecipanti. «Il concorso -diceva Ben Zhang, uno degli organizzatori- servirà a far conoscere al pubblico i problemi degli omosessuali e a farli capire meglio». Il vincitore del concorso di bellezza avrebbe dovuto rappresentare la comunità gay cinese alla competizione internazionale Mr.Gay, che si svolgerà il 13 febbraio al Ballroom di Oslo. Rimarrà un sogno. In un Paese dove solo nel 2001 l'omosessualità è stata cancellata dalla lista delle malattie mentali e che solo dal 1997 non è un reato, vietare questo evento è sicuramente un passo indietro per i diritti degli omosessuali cinesi. E secondo Li Yinhe, famosa sociologa di Pechino, i gay in Cina sono tra i 36 ed i 48 milioni, in grande maggioranza non dichiarati.

Noi pensiamo che: 48 milioni di gay con gli occhi a mandorla. 48 milioni di gay ancora negati.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

lisa_80 83 mesi fa

Come fanno questi uomini a vivere nnascondendo loro stessi? Ma soprattutto come fa un Governo a vietare l'umanità delle persone?

selma 83 mesi fa

ma che gay e gay..in asia ho sentito dire da asiatici che sono tutti etero..;)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).