Dai miracoli di Haiti a Bologna

Rassegna Stampa

di Greta Privitera
<p>Dai miracoli di Haiti a Bologna</p>

Dopo il terremoto di Haiti, che l'Onu ha oggi definito il "peggiore disastro mai affrontato" nella sua storia, emerge un altro miracolo dalle pietre: nella capitale Port-au-Prince, grazie all'allarme lanciato da una Tv australiana che stava effettuando delle riprese vicino alla sede di Save the Children, è stata tratta dalle macerie Winnie, una bimba di non ancora due anni. Tre giorni sotto le macerie, e lei diventa  il simbolo della speranza dopo la tragedia. E un'altra speranza arriva dalle parole del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama: «L'impegno americano per Haiti rappresenta una delle più grandi operazioni di soccorso nella storia degli Stati Uniti e si misurerà in mesi e anni, non solo in giorni e settimane». Lo ha detto Obama dopo l'incontro nello Studio Ovale con i suoi predecessori George W. Bush e Bill Clinton. Dall'Italia Francesco Totti, l'attaccante romanista, gira un video per l'Unicef in cui chiede di contribuire con una donazione per il sostegno dei bambini haitiani prime vittime del terremoto.

Un altro terremoto questa volta però colpisce l'Iran con una scossa di magnitudo 5.0 sulla scala Richter . Lo comunica l'Istituto geologico americano. Il sisma è avvenuto alle 23:53 ora locale (le 21:23 italiane) a 25 chilometri da Dezful, non lontano dal confine con l'Iraq. Dezful ha oltre 230 mila abitanti. Un terremoto di magnitudo 5.0 viene considerato moderato ma può provocare notevoli danni.

Le autorità aeroportuali di New York hanno ordinato l'evacuazione del Terminal 8 dell'aeroporto internazionale di New York Jfk, quello che ospita American Airlines. Lo ha annunciato la Cnn, secondo cui ci sarebbe stato un piccolo problema di sicurezza e numerosi viaggiatori stanno passando un secondo controllo prima di imbarcarsi a bordo dei rispettivi aerei. All'inizio dell'anno, l'area riservata ai viaggiatori di uno dei terminali di un altro aeroporto internazionale che serve New York, quello di Newark nel New Jersey, era stato evacuato dopo che un passeggero aveva superato un controllo per dare un bacio alla fidanzata, provocando un caos nello scalo, con ritardi nei voli fino a sei ore.

In una discoteca di Arquà Polesine, Rovigo, una giovane si è sentita male al bar della discoteca e si è accasciata a terra, a pochi passi dalla ressa dei ballerini, mentre la musica non si è fermata e attorno a lei tutti hanno continuato a ballare. E' morta così, a 29 anni. Soffriva di una malformazione congenita al cuore che la costringeva a continui controlli medici e cure. Colta da malore mentre stava parlando con alcuni amici vicino al bar è stata soccorsa e fatta stendere su un divanetto in attesa dell'arrivo dell'ambulanza, che è arrivata circa mezz'ora dopo. La gente ha continuato a ballare e la musica a suonare.

Un artigiano trentino dovrà continuare a pagare gli alimenti alla figlia di 32 anni, da lui chiamata "bamboccia", iscritta alla facoltà di Filosofia e da otto anni fuoricorso. La sentenza è del tribunale di Bergamo, al quale la donna si era rivolta per far si che il padre, ormai da anni residente nella città lombarda, continui a pagare l'assegno di mantenimento di 350 euro al mese.

«E' una vita che Berlusconi vuole una casa a Venezia. Vediamo se e' questa la volta buona», scherza Giancarlo Galan presidente della Regione Veneto. «Io e Ghedini siamo gia' stati licenziati una volta come agenti immobiliari», prosegue Galan che questa mattina ha accompagnato il premier in visita a palazzo Pisani Moretta, l'antica dimora veneziana su cui pare abbia messo gli occhi. Si tratta del primo incontro tra Galan e Berlusconi dopo che il governatore, diversamente dalle sue attese, non è statori candidato alla presidenza del Veneto a favore del leghista Luca Zaia. Galan ha detto che farà una campagna elettorale forte «per raccogliere preferenze ai candidati del Pdl per la Regione Veneto che si sono comportati con lealtà nei miei confronti e poi farò votare Zaia».

A tavola il ragù alla bolognese sembra essere il piatto più taroccato al mondo. All'estero ad esempio sono molto gettonati gli spaghetti alla bolognese, realizzati con un condimento con sugo di pomodoro e polpettine (meatballs). Una combinazione inesistente nella realtà gastronomica nazionale che però. Che il made in Italy sia spesso soggetto a imitazioni non è una novità. Lo dice la Coldiretti in occasione della Giornata mondiale delle cucine italiane del 17 gennaio dedicata alle vere tagliatelle alla bolognese. La manifestazione, promossa dal Gvci (Gruppo virtuale cuochi italiani), coinvolge centinaia di cuochi, in oltre 50 paesi, che saranno impegnati a cucinare simultaneamente il famoso piatto, contro le falsificazioni della cucina e dei prodotti italiani nel mondo.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).