Da Haiti alla Gran Bretagna

Rassegna stampa

di Greta Privitera
<p>Da Haiti alla Gran Bretagna</p>
PHOTO - - - CORBIS IMAGES

La comunità internazionale ha raccolto più di un miliardo e 200 milioni di dollari per far fronte all'emergenza che ha colpito Haiti dopo il terribile terremoto di una settimana fa. La cifra, ha comunicato l'Onu, è il risultato degli sforzi di privati, governi dei vari Paesi, organizzazioni internazionali e comprende anche gli aiuti in beni di prima necessità. Il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha inoltre dato il via libera all'invio di altri 3.500 caschi blu, dei quali circa 2.000 militari e 1.500 poliziotti. Intanto gli aiuti internazionali arrivano con molta fatica nell'isola, tanto che, per aggirare lo stallo dell'aeroporto di Port-au-Prince e la difficoltà nei collegamenti stradali, l'esercito degli Stati Uniti ha paracadutato in poche ore circa 14.000 razioni di cibo e 13.000 litri d'acqua in una zona a Nord-Est della capitale. Sempre più drammatica l'emergenza igiene: gli ospedali da campo lavorano in condizioni terribili, sono costretti ad amputare arti spesso anche ai bambini, perché non sono possibili terapie alternative. E c'è il rischio che si diffondano epidemie, come quelle del morbillo e della meningite.

L'ex premier, Bettino Craxi, è stato commemorato oggi in Senato. Alla cerimonia ha partecipato anche Silvio Berlusconi senza però intervenire pubblicamente. Renato Schifani, presidente del Senato, conferisce a Bettino Craxi l'imprimatur dell'agnello sacrificale di una stagione - Tangentopoli - che colpì con lui le colpe di tutto il sistema. L'Italia dei valori di Di Pietro naturalmente dissente. Secondo giorno in cui la memoria del segretario del Psi domina il dibattito politico. Ieri, Giorgio Napolitano ha scritto una lunga lettera alla vedova, Anna.

È stata liberata la ragazzina di 14 anni tenuta sotto sequestro da un uomo per alcune ore in un negozio a Lucera, in provincia di Foggia. La piccola sta bene. Il sequestratore è stato arrestato. La 14enne era stata presa in ostaggio in mattinata dall'uomo mentre si trovava nel negozio "Curiosando" nel centro del paese. Non si conoscono le motivazioni del gesto. L'uomo che aveva in ostaggio la ragazzina aveva chiesto di poter parlare con l'on.Alessandra Mussolini. Il sequestratore di 35 anni è conosciuto dalle forze dell'ordine perché tre anni fa compì un gesto simile: sequestrò una persona che si trovava nel parcheggio di un ipermercato la trascinò all'interno del centro commerciale e la tenne inostaggio.

Lino Banfi è l'ultima celebrità ad essere stata colpita dalla "sindrome dei morti viventi". L'attore è stato dato per morto su Internet e ha reagito dicendo: «Sono vivo e vegeto e mentre rispondo ai giornalisti francamente faccio gesti scaramantici e quasi mi gioco i numeri al lotto. La cosa stupenda é stata mio fratello dalla Puglia che l'ha presa alla lontana: 'sai Lino ho fatto un sogno... tutta Canosa piangeva per te». Il mondo dello spettacolo, si sa, è particolarmente sensibile ad argomenti legati alla scaramanzia. E in generale dare un personaggio per morto non è esattamente come sognare che un personaggio muoia.

Il risultato di uno studio condotto in Gran Bretagna dal Wwf insieme al Food Climate Research Network, fa sapere che l'inquinamento non è prodotto solo da automobili e ciminiere, ma anche da pasta, bistecche e bignè. Quasi un terzo delle emissioni di Co2 dipendono infatti dalla produzione di tutto ciò che finisce sulla tavola. Secondo la ricerca il 30% della cosiddetta "impronta nazionale" britannica di CO2 è il frutto della produzione alimentare.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).