DAI PALAZZI18:30 - 22 gennaio 2010

Gabriella Carlucci pensa alle lampade abbronzanti

Intervista a Gabriella Carlucci

di Greta Privitera
<p>Gabriella Carlucci pensa alle lampade abbronzanti</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

«Non ci sono più dubbi. Le lampade abbronzanti sono cancerogene» soprattutto per i giovani, scrive l'Onorevole Gabriella Carlucci, prima dell'esercito delle donnePdl che dalla tv è volata alla politica, nel testo che accompagna la proposta di legge. L'allarme è arrivato dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro(Iarc), che ha elevato la pericolosità dei raggi ultravioletti delle lampade abbronzanti da "probabili cancerogeni" alla categoria "cancerogeni del gruppo uno", quella di massimo rischio.

Onorevole, ci parli un po' di questa proposta di legge

«L'idea è nata dopo che ho letto un articolo pubblicato dalla Lancet Oncology, in cui una ricerca effettuata dal'Iarc, ha dimostrato che nelle persone sotto i 30 anni il rischio di contrarre melanoma è del 75% più alto nei soggetti che fanno uso dei lettini abbronzanti, delle docce solari, delle lampade. L'articolo diceva che il rischioso aumenta soprattutto negli adolescenti . In Francia questa legge esiste già. Anche noi ci teniamo alla salute dei nostri giovani. No?»

Pensa che riuscirà a farla diventare legge?

«Io spero di sì, spero che sia maggioranza che opposizione appoggino questa proposta.  Alla fine gli schieramenti politici non centrano nulla. I figli sono figli. I centri estetici e tutti coloro che offrono questi servizi non saranno felici, però io penso alla salute».

Signora Carlucci, lei pensa alle lampade abbronzanti coin tutto quello che c'è in giro: Haiti, il processo breve, il presunto attentato al presidente della Repubblica…

«Si, certo. Per Haiti abbiamo richiesto un incontro con il ministro degli Affari Esteri Franco Frattini, penso che lo vedremo la prossima settimana. Noi vorremmo accelerare l'iter per gli affidi temporanei. Si sa che la strada per le adozioni è molto lunga, per cui cercheremo di velocizzare la possibilità dell'affido. Questi bambini, così, avranno la possibilità di venire nel nostro paese almeno per un periodo, vorremmo poterli togliere da questo momento catastrofico al più presto».


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
lisa_80 80 mesi fa

Ok, però io preferirei che le donne della tv restassero in tv e non impregnassero i nostri parlamenti...

carla 80 mesi fa

ebbarava carlucci!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).