DAI PALAZZI13:05 - 26 gennaio 2010

Montecitorio, sgambetto a Brunetta

Alla Camera dei deputati 15 dipendenti sotto inchiesta per aver usato cartellini dei colleghi

di Lavinia Farnese
<p>Montecitorio, sgambetto a Brunetta</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

A lavoro, ci andavano per finta: strisciavano il badge. Non il loro, s'intenda, ma quello di colleghi compiacenti che li coprivano. E poi se ne andavano, in pieno orario di ufficio. Chi a fare la spesa, chi a fare compere, chi in palestra perché no, o a prendere i bimbi a scuola. Quando dovevano invece essere alla scrivania. Almeno per il conta-presenze al tornello. Così, tutti i giorni, alcuni dipendenti della Camera dei Deputati. Quindici, per l'esattezza. Su cui la magistratura ha ora aperto un'inchiesta, che passerà al vaglio le timbrature anomale, quelle che potranno accertare o scardinare la truffa ai danni dello Stato e falso di cui sono ora accusati.

A Palazzo, c'è da dire che si erano insospettiti già da un po': alcuni cartellini non erano autorizzati, altri addirittura falsi, altri ancora veri, ma non più personali, visto che finivano un'ora sì e l'altra pure, con la disinvoltura di un biglietto da visita, nelle tasche del collega, che il giorno dopo si aspettava restituito il favore. Insomma, una brutta abitudine che s'era fatta sistema, prassi. E se il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta nel 2008 aveva già messo i tornelli a Palazzo Chigi, ora anche Montecitorio si "brunettizza": per debellare l'assenteismo, fanno sapere dai corridoi di piazza Colonna, «i tesserini assegnati al personale della Camera saranno tutti sostituiti con badge di ultima generazione, idonei, tra l'altro, a impedire la ripetizione di comportamenti analoghi a quelli riscontrati nella circostanza». Tutti sull'attenti, quindi. Già, sembrerebbe, da febbraio.

Noi pensiamo che: certo che gli italiani trovano sempre il modo per sfuggire alle regole. Succede anche nei posti più "alti"…


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Notizie Ansia 80 mesi fa

Una amministrazione può effettuare un controllo di presenza dei suoi dipendenti... ma leggo anche - testualmente - "E poi se ne andavano, in pieno orario di ufficio. Chi a fare la spesa, chi a fare compere, chi in palestra perché no, o a prendere i bimbi a scuola"... quindi l'Amministrazione li ha anche pedinati? E' normale? Si può fare?.. o è solo una supposizione di Lavinia Farnese che ha firmato l'articolo?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).