DAI PALAZZI12:51 - 29 gennaio 2010

«D'Addario indagata per complotto contro Berlusconi»

Il settimanale Panorama racconta di un'indagine sull'escort barese

di Lavinia Farnese
<p>«D'Addario indagata per complotto contro Berlusconi»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

L'escort Patrizia D'Addario e una decina di persone (tra cui magistrati, politici e giornalisti) sarebbero indagate dalla procura della Repubblica di Bari per «avere ordito un complotto contro Berlusconi». Lo racconta Panorama. L'inchiesta -seguita dal procuratore in persona, Antonio Laudati - arriverebbe alla seguente conclusione: la D'Addario sarebbe stata «selezionata» e successivamente «consegnata» all'imprenditore Gianpaolo Tarantini. Arruolata, insomma, per una missione precisa: «Compromettere la reputazione del presidente del Consiglio, mettendolo politicamente in difficoltà». Coinvolti in quella che è stata definita «Operazione D» anche «alcuni giornalisti, ai quali sarebbero state passate notizie allo scopo di alimentare il clima a sostegno della tesi di D'Addario» e di «indirizzare le indagini».

Sull'escort barese, autrice del libro Gradisca presidente, sulla famosa notte con il premier a Palazzo Grazioli di Roma, sarebbero in corso anche accertamenti patrimoniali, «sarebbe risultata intestataria di numerosi conti correnti, direttamente o attraverso prestanome», oltre che artefice di «alcuni movimenti di denaro di entità rilevante». Uno per tutti: ci sarebbe un trasferimento in Qatar nel febbraio 2008 di un milione e mezzo di euro per conto di politici. E sarebbe stato fatto «fisicamente» da lei. Tutto secondo Panorama, della Mondadori: proprietà di Berlusconi.

Intanto, però, c'è il rischio di stare a fare i conti senza l'oste: fonti giudiziarie delle Procura di Bari, infatti, negherebbero l'esistenza dell'inchiesta su presunti complotti a opera dell'escort.

Noi pensiamo che: di nuovo la escort D'Addario. A chi giova?

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).