DAL MONDO15:07 - 29 gennaio 2010

Pornostar in spogliatoio, scandalo nel volley francese

Bufera a Parigi per il calendario di Olivia del Rio, regina hard, per il Paris Volley

di Lavinia Farnese
<p>Pornostar in spogliatoio, scandalo nel volley francese</p>
PHOTO © OLIVIA DEL RIO STUDIO

Al Comune di Parigi, il sindaco, Bertrand Delanoë, è in imbarazzo. La squadra di pallavolo maschile della sua città, il Paris Volley, di cui è sponsor (gli sborsa 1.7 milioni di euro l'anno), non solo ha incassato sei sconfitte nelle ultime sette gare, ma si dà ai bagordi. Per fare gli auguri ai propri tifosi, ha aperto le porte del proprio spogliatoio a Olivia Del Rio. Professione: ex pornodiva di film hard. Che per 4000 euro si è spogliata tra i giocatori, anche loro seminudi. La regina delle luci rosse è ritratta in pose… "sensibili". Ma il calendario è stato un flop totale. Neanche i tifosi sugli spalti si sono esaltati. Anzi, hanno definito la campagna «inopportuna». E il vice sindaco, Jean Vuillermoz, con delega allo Sport, ha rincarato con poche parole, ma esaustive: «Cattivo gusto».

Insomma, doveva essere un'idea nuova, che svecchiasse l'immagine di una squadra che a rete non mura né schiaccia come dovrebbe da un po'. E che invece fa fare un balzo sulla sedia anche alla segreteria di Rama Yade, la ministra del governo Sarkozy recentemente passata dagli Esteri allo Sport. C'è, ci sembra di capire, rimasto da sperare, a questo punto, solo su una rivincita: quella degli occhi sgranati di meccanici, gommisti, stampatori e campionisti d'Oltralpe.

Noi pensiamo che: una pornodiva negli spogliatoi, un'ideona o una stupidaggine? Ma almeno tiene alto il morale dei giocatori.

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
l'anfibio 80 mesi fa

conosco l'ambiente di charléty, mi ci allenavo anni fa. lì c'è la squadra del rugby, ci sono i velocisti, e c'è il palazzetto del paris volley.. sono tutti sbruffoni e guasconi, come lo è un parigino doc, e sicuramente maschilisti. il messaggio è distruttivo per ragazzi e minori (una pornostar diventa facilmente un ricettacolo di malattie, specialmente dermatologiche, guai a prenderla come modello di "ragazza appetibile") , e a quanto pare nasce dal rancore, se il direttore sportivo ha detto "eh abbiamo vinto 8 degli ultimi 10 campionati e non ci fila nessuno, adesso per una pornodiva parlano tutti di noi". maschilisti e infantili. in definitiva: pessimi.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).