DALLA SOCIETA'12:51 - 02 febbraio 2010

Garante dell'infanzia: «Sei ore a scuola sono troppe»

Sei ore a scuola sono troppe dice l'Unicef ligure

di Greta Privitera
<p>Garante dell'infanzia: «Sei ore a scuola sono troppe»</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

All'Unicef di Genova, l'orario continuato 8-14 alle medie inferiori non va. Lo chiamano "l'orarione", e dopo la segnalazione dell'organizzazione al garante dell'infanzia Anna Maria Faganelli, l'ufficio regionale ligure fa sapere: «Sei ore a scuola sono troppe». Un modo, secondo l'Unicef, per accontentare i genitori che così hanno il sabato libero. La  Dottoressa Faganelli fa sapere: «Ho scritto una lettera che manderò a tutte le scuole per invitarle a non applicare questo orario così inadeguato, contrario al benessere dei ragazzi e inutile per il loro apprendimento. Il mio richiamo è al rispetto del diritto dei bambini al tempo libero». Ovviamente nelle scuole c'è l'autonomia, dunque quella del garante non può essere un'imposizione ma solo un consiglio. Dal Comune di Genova l'assessore Paolo Veardo dichiara la sua contrarietà al super-orario, ma sottolinea: «Ci sono anche dei problemi seri intorno a questa scelta. I tagli agli organici nella scuola hanno reso difficile coprire la presenza obbligatoria dell'insegnante durante il pranzo dei ragazzi», rendendo impossibili le lezioni pomeridiane.

 

Noi pensiamo che: l'orarione a scuola, è una comodità dei genitori che lavorano? E chi bada ai ragazzini a casa se l'orario di scuola viene ridotto?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
alessandra 58 mesi fa

Sono un'insegnante e concordo pienamente nel sostenere un orario di lezione antimeridiano al massimo fino alle ore 13. I miei alunni (e così credo fisiologicamente anche gli altri) rendono molto bene ed hanno quasi tutti un'attenzione adeguata nelle prime ore della mattinata; dopo le ore 11,00 fanno molta più fatica (pur proponendogli attività meno impegnative). Qualcuno ricorda che la scuola è un servizio anche sociale e in un certo senso condivido, ma non accetto che venga intesa come "parcheggio" quando non si sa dove lasciare i figli in età di scuola primaria o media. Ci sono madri non lavoranti che iscrivono il figlio alla frequenza di 40 ore settimanali e cioè otto ore al giorno!...no comment. Credo che le istituzioni dovrebbero attivarsi per assicurare una frequenza di pieno tempo scuola a quelle famiglie che davvero ne hanno bisogno,ciò assicurerebbe anche una migliore qualità della scuola con maggior impiego di docenti al mattino...

mari 66 mesi fa

per mie figli desidero l' oraro ridotto, fino alle 12:30 o 13 . cosi dopo si sta all'aria aperta , si gioca e possono fare sport, chi non puo permeterselo , perche lavorano mamme e papa, la scuola dovrà accogliere e offrire ai bambini attivtita sportive, etc . come si fa in tutta l' America del norde centro e sud...al mattino si studia e pomeriggio si fanno attivitta varie... sono americana e molto scontenta della scuola qui, ho varie amiche che hanno opitato per la scuola in casa cosi i bimbi possono anche fare il loro lavoro cio è avere tempo libero....

mauro 79 mesi fa

Gli alunni già alla quarta ora sono stanchi, alla quinta l'attenzione è quasi nulla, hanno solo voglia che finisca anche perchè la fame si fa sentire. Alcuni 'intelligenti' credono che anche alla sesta ora i ragazzi siano attenti, disponibili e interessati. Intanto gli insegnanti stanno a scuola per 18 ore alla settimana e gli alunni quando va bene per 30! Si rende la settimana invivibile per salvare il sabato libero! Chissà chi ha così interesse al sabato libero? Alle elementari arriviamo anche a otto ore al giorno, sei di lezione e due di mensa e intervallo.

sama287 79 mesi fa

quando io andavo alle medie speravo che togliessero il sabato... secondo me i bambini sono contenti

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).