DALLA SOCIETA'16:57 - 03 febbraio 2010

I gay italiani all'Istat: contateci!

Le coppie gay vogliono essere contate nel censimento Istat

di Ferdinando Cotugno
<p>I gay italiani all'Istat: contateci!</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

In attesa di ottenere diritti più importanti, la comunità omosessuale italiana pretende almeno di essere contata dall'Istat. L'Istituto Nazionale di Statistica sta mettendo a punto il prossimo censimento nazionale, che sarà somministrato nell'autunno di quest'anno. Il sito Gay.it ha lanciato la campagna perché anche le coppie omosessuali vengano inserite tra le coppie di fatto. Nell'ultima rilevazione statistica, quella del 2001, questo è successo soltanto a metà. Nel questionario c'era la possibilità di dichiararsi come coppia di fatto anche per persone dello stesso sesso. Però, quando i dati sono stati resi pubblici, nel 2002, si scoprì che quelle decine di migliaia di risposte erano state accorpate nel conteggio a un'altra categoria: «Altro tipo di convivenza», nella quale finisce un po' di tutto, fino alle coabitazioni tra gli anziani e le loro badanti. Ci fu una grande polemica, ma il danno era fatto, e per dieci anni le coppie omosessuali non hanno avuto una misura statistica ufficiale. Ora non vogliono perdere un altro decennio, per questo, con parecchi mesi di anticipo, hanno lanciato la loro battaglia. «La statistica è una scienza, si legge sul testo dell'appello», diffuso anche su Facebook, «come tale deve essere neutra, imparziale e limitarsi a studiare le coppie di fatto etero e omosessuali, indipendentemente dalle valutazioni che ne danno parti politiche, concezioni etiche o fedi religiose, per quanto importanti possano essere».

 

Noi pensiamo che: è una piccola battaglia, ma anche un passo avanti verso quei diritti considerati più importanti.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).