Dal legittimo impedimento all'illegittimo disturbo

Rassegna stampa

di Ferdinando Cotugno
<p>Dal legittimo impedimento all'illegittimo disturbo</p>

La Camera dei deputati ha detto sì alla legge sul legittimo impedimento. La seduta è stata infuocata, pochissimi gli assenti. Questi i numeri della votazione finale: a favore hanno votato 316 deputati, i no sono stati 239, 40 gli astenuti. Secondo questa norma il premier ha diritto a un rinvio dell'udienza dei processi in cui è imputato, perché «legittimamente impedito» dalle sue attività di governo a comparire in tribunale. Questo rinvio può estendersi fino a 18 mesi. È la presidenza del Consiglio ad attestare l'impedimento, che vale anche per i ministri. Queste norme sono estese anche ai ministri. Quando il provvedimento è passato, i deputati dell'Italia dei valori hanno mostrato cartelli di protesta come: «Costituzione violata, giustizia calpestata», «leggina monouso», «casta di intoccabili». Entro un mese, il disegno di legge dovra' essere approvato anche dal Senato.

Diventa sempre più fitto l'intrigo dell'acquisto di Telecom da parte degli spagnoli di Telefonica. Secondo indiscrezioni il governo sembrava aver dato il via libera all'operazione, ma da Palazzo Chigi è arrivata una smentita ufficiale. Anche i piccoli azionisti si sono schierati contro l'operazione: «Sarebbe un disastro annunciato, un danno per tutto il paese», ha scritto in una nota Asati, l'Associazione dei piccoli azionisti di Telecom. Oggi l'incontro tra il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, e l'amministratore delegato di Telecom, Franco Bernabè. «Agiremo nel rispetto della libertà e del mercato - ha detto il ministro -. Telecom è una società privata, ma la rete delle telecomunicazioni è un asset strategico per il Paese».
Alla fine iMussolini è stata tolta dal commercio. È  stato lo stesso autore, Luigi Marino, a cancellarla dal negozio online di applicazioni della Apple. Più delle polemiche da parte dei sopravvissuti della Shoah, è stata decisiva la minaccia di un'azione legale da parte di Cinecittà Luce, che detiene la proprietà di quei discorsi. «Voglio dimostrare in questo modo la mia buonafede», ha detto Marino.
Continua senza esclusione di colpi la sfida tra Apple e Google. Pochi giorni fa, c'è stato il lancio di iPad, il tablet targato Apple. La risposta di Google ci ha messo meno di una settimana ad arrivare: si chiama G-Tablet. Al momento è ancora in fase di progetto, ma sembra avere le carte in regola per vincere questa sfida tecnologica. Il tablet di Google pero' sarà multitasking, potrà far girare più programmi contemporaneamente. Ad esempio, si potrà leggere un ebook ascoltando la musica, operazione impossibile su iPad.

Rischia fino a 5 anni di carcere Dennis Zeglin, l'uomo che ha sparato al suo pappagallo perché lo disturbava mentre guardava la Tv. È  successo a Morristown, in New Jersey, Stati Uniti. Zeglin ha sparato con una pistola ad aria compressa ed era ubriaco. Stava assistendo a una gara di automobilismo. A denunciarlo è stata la moglie.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).