DAL MONDO14:35 - 04 febbraio 2010

Germania: per vincere la crisi il mercato del sesso punta sulle donne

In Germania è in crisi il mercato del sesso

di Greta Privitera
<p>Germania: per vincere la crisi il mercato del sesso punta sulle
donne</p>

In Germania l'industria del sesso è in crisi. La Beate Uhse, una delle prime al mondo nel settore, ha visto dimezzati i propri utili e il suo andamento potrebbe ripercuotersi sul Pil nazionale. Le azioni della società, infatti,  nel 2007 erano quotate 2 euro, l'anno scorso valevano 90 centesimi e negli ultimi mesi sono scese ancora del 30%. La Beate Uhse aveva superato le peggiori crisi: dalla rivoluzione sessuale al periodo nero dell'Aids, e dopo la caduta del Muro di Berlino aveva persino conquistato il mercato dell'Est. Ma oggi non ce la fa. È colpa di internet. Dal web si possono scaricare gratis film e riviste e online si possono ordinare prodotti dall'estero. E chi ha più bisogno dei sexy shop? Serge van der Hooft, amministratore della Beate, sostiene che i clienti tradizionali, gli uomini, sono scomparsi, per cui ora bisogna puntare sulle donne. Per loro, le consumatrici, c'è bisogno però di prodotti più curati: film che abbiano una trama, un pizzico di romanticismo e gadget creati da stilisti raffinati. «Agli uomini basta il sesso elettronico, alle loro compagne serve fantasia», dice Hooft.

Noi pensiamo che: ma siamo sicure che le donne nel sesso cerchino una trama o è un'idea degli uomini?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
sama287 82 mesi fa

sul serio...il porno è maschile perchè è fatto da maschi.

lisa_80 82 mesi fa

la fantasia delle donne non ha bisogno di immagini porno per nutrirsi... vive di vita e sogno. e poi io il porno lo guarderei se il regisata fosse una donna... non ci eccitiamo davanti a hulk muscolosi e superdotati!!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).