DAI PALAZZI11:01 - 05 febbraio 2010

La Russa: «Sì ai gay nell'esercito»

Caserme aperte agli omosessuali.

di Greta Privitera
<p>La Russa: «Sì ai gay nell'esercito»</p>

«Essere gay o non esserlo non ha alcuna rilevanza per essere ammessi nelle forze armate», lo dice il ministro della Difesa Ignazio La Russa da Istanbul. In Italia non c'è mai stata una norma (come invece esiste in altri Paesi) che vieta ai gay di fare il militare. In passato, però, le inclinazioni sessuali hanno giocato un ruolo nel reclutamento (sfavorendo i gay) ma, ha spiegato La Russa, «questa possibilità nell'esercito volontario non esiste più». Esattamente all'opposto di quanto accade in Brasile dove essere gay preclude l'ingresso nelle caserme. Affrontando il dibattito sul tema il generale, Raymundo Nonato Cerqueira Filho, capitano dell'esercito brasiliano ha ribadito con parole durissime la sua contrarietà all'arruolamento di omosessuali. «La loro situazione non è compatibile con il lavoro nelle Forze Armate», ha detto, come riferisce il quotidiano spagnolo El Pais, «le truppe non obbediscono a individui di questo tipo perché gli omosessuali non infondono rispetto ai soldati e per questo sarebbe meglio che trovassero lavoro in un altro settore».

Noi pensiamo che: le inclinazioni sessuali non dovrebbero contare in nessun tipo di lavoro.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
IO 70 mesi fa

beh, rispondendo a Giada: non esistono solo gay effemminati. è uno stereotipo da eliminare. certo esistono, ma non sono tutti così... La russa mi piace un botto!!! e poi ha una voce così sexy!

Giada 79 mesi fa

Giustissimo! Però bisogna ammettere che come non vdrei un "macho man" nelle vesti dello stilista, così puro non vedrei un gay nelle vesti del militare! Anche perchè troppo sexy per stare in una caserma di soli uomini!

marisa 79 mesi fa

..già, l'orientamento sessuale non dovrebbe mai essere u discriminante...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).