DALLA SOCIETA'12:36 - 05 febbraio 2010

Rivoluzione Gelmini: i licei diventano sei

Il ministro dell'Istruzione alla sua "svolta epocale"

di Lavinia Farnese
<p>Rivoluzione Gelmini: i licei diventano sei</p>

Mariastella Gelmini cambia la scuola che frequenterà Emma, la bambina che porta in grembo. Dopo 90 anni di proposte da destra a sinistra irrealizzate, da settembre le superiori saranno "nuove": da 396 indirizzi sperimentali si passa a soli sei licei; riduzione negli orari; rilancio degli istituti tecnici. Al classico si farà più matematica e inglese. Il linguistico, fin dal primo anno insegnerà tre lingue straniere, poi dal terzo una materia sarà insegnata in lingua straniera e dal quarto due. Il vecchio socio-pedagogico diventa delle scienze umane. Ovunque, comunque, più inglese, e relazioni più strette col mondo del lavoro e con l'università. Il premier Silvio Berlusconi gongola: «Con queste riforme dal prossimo anno avremo delle scuole che potranno essere comparate a quelle dei Paesi europei più avanzati». «Ma quale riforma», tuona il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, «è un taglio epocale alla scuola pubblica italiana che ci allontana dall'Europa». La Gelmini taglia corto, e la riforma che ha partorito in dolce attesa, la chiama «svolta epocale».

E poiché i fondi per farla conoscere  sono pochi (non più di un milione di euro), ai piani alti di Trastevere si programmano ospitate televisive, scopo divulgazione della riforma.

Noi pensiamo che: le riforme si susseguono da anni, ma i risultati non arrivano e la scuola continua a peggiorare. Questa sarà la volta buona?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
l'anfibio 79 mesi fa

ma la gelmini fa davvero il ministro? io pensavo che fosse un figurante che va su youtube e in tv e presenta la cose che gli fanno gli altri. fra l'altro nelle interviste ai tg amici è evidente che legge il gobbo!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).