Dagli appalti del g8 alla droga di Arezzo

Rassegna stampa

di Ferdinando Cotugno
<p>Dagli appalti del g8 alla droga di Arezzo</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Guido Bertolaso ha ricevuto un avviso di garanzia per corruzione nell'ambito di un'inchiesta sui lavori del G8 alla Maddalena. Per questa indagine è stato arrestato l'ex collaboratore di Bertolaso Angelo Balducci. Il capo della Protezione civile si è subito dimesso da ogni incarico, ma dopo poche ore il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi gli ha confermato la fiducia e ne ha respinto ledimissioni: «Sono convinto che potrà chiarire ogni cosa».

È  bufera dopo la decisione della Commissione di Vigilanza di sospendere tutte le trasmissioni politiche in vista delle elezioni regionali di fine marzo. Dal 28 febbraio al 28 marzo niente approfondimenti con ospiti per la legge della par condicio. Il conduttore di Annozero (Raidue) Michele Santoro parla di «abuso di potere che non ha alcun fondamento legale». Per Berlusconi la decisione è da rispettare: «Non mi preoccupo di queste trasmissioni-pollaio».

Prima ha adottato un bambino di 5 anni, dopo 3 mesi ha cercato di ucciderlo. Il piccolo è stato trovato in una pozza di sangue su una strada provinciale vicino Viterbo. Poco lontana c'era la madre, che ai soccorritori ha parlato di un incidente stradale. È stato il piccolo, dopo aver ripreso i sensi, a raccontare la verità. La madre lo ha picchiato per punirlo per una marachella. La donna è stata arrestata.

Un gruppo di francesi ha fatto causa alla Russia per incassare obbligazioni emesse dallo zar nel 1906. Per farsi liquidare hanno preteso di ottenere il possesso di una chiesa ortodossa appena ceduta dalla Francia allo Stato russo. «Chiediamo la sua confisca per ottenere il rimborso del nostro credito», hanno spiegato. Quei titoli erano stato annullati dalle autorità sovietiche dopo la rivoluzione bolscevica.

Per i carabinieri di Arezzo è stato l'arresto più facile della carriera. Uno spagnolo di 62 anni ha consegnato per errore un quintale e mezzo di hashish ai militari in borghese, pensando che fossero i destinatari del carico. «Siete voi che mi state aspettando?», ha chiesto quando si è avvicinato. Loro hanno risposto sì e si sono visti consegnare la droga. Con tanto di battuta: «Sono stato più furbo di loro, qui la roba non l'avrebbero mai trovata». L'uomo era incensurato, la droga che ha trasportato vale quasi un milione e mezzo di euro.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).