DAL MONDO12:46 - 16 febbraio 2010

Kevin Smith troppo grasso, fatto scendere dall'aereo

Ma il regista si è vendicato su Twitter: ora per la compagnia aerea è Fatgate!

di Ferdinando Cotugno
<p>Kevin Smith troppo grasso, fatto scendere dall'aereo</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Il volo Southwest Airlines da Oakland a Burbank è stata una brutta avventura per il regista Kevin Smith. Non per una turbolenza o un vuoto d'aria, ma perché per l'autore di film di culto come Clerks il decollo non è mai avvenuto. Il troppo solerte personale di bordo lo ha umiliato facendolo scendere perché troppo grasso. Il suo peso avrebbe rappresentato un rischio per la sicurezza degli altri passeggeri. L'episodio poteva esaurirsi lì, ma non per Kevin Smith, che oltre a essere un regista molto amato, è anche una delle celebrità che meglio hanno usato le possibilità offerte da Twitter. Il suo account sul social network ha qualcosa come 1,4 milioni di lettori. Questo vuol dire che ogni suo tweet (frase di 140 caratteri) ha un pubblico doppio di quello di un quotidiano nazionale in Italia. La notizia ha così fatto il giro del mondo in poche ore. Qualcuno ha già azzardato una definizione ambiziosa: Fatgate, facendo il verso al più noto Watergate. La Southwest ha risposto, sempre via Twitter. Ha offerto le proprie scuse al regista, confermando allo stesso tempo la politica di sicurezza sui posti. In ogni caso questa per Kevin Smith è stata una pufbblicità molto gradita: il suo prossimo film, Cop Out, esce negli Stati Uniti il 26 febbraio. Smith non è mai più riuscito a replicare il successo del suo esordio, Clerks, uscito 16 anni fa. Sicuramente la Southwest Airlines gli ha dato una piccola mano.

Noi pensiamo che: Kevin Smith può vendicarsi contro la compagnia aerea su Twitter. Ma il problema delle persone effin sovrappeso è enorme.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).