Avere un figlio? Costa 12mila euro solo il primo anno

Avere un figlio oggi costa moltissimo

di Greta Privitera
<p>Avere un figlio? Costa 12mila euro solo il primo anno</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Caro figlio, quanto ci costi. Un bambino nel primo anno di vita, secondo l'Osservatorio Nazionale Federconsumatori, costa da un minimo di 5.828 euro a un massimo di 12.988 euro, con un aumento rispetto al 2008, rispettivamente del 4% e del 3%. Ma risparmiare è possibile. Un aiuto rilevante può arrivare da familiari e amici: passeggini prestati, seggioloni e corredini regalati per la nascita alleggeriscono il budget familiare. Altra strada per risparmiare su mobili e accessori è il mercato dell'usato. 
Il problema si amplifica quando la mamma torna al lavoro: più di tre famiglie su dieci, infatti, sono costrette a chiedere aiuto a nonni e parenti, o a pagare per un asilo nido privato o una babysitter a tempo pieno. Un mese a tempo pieno in un asilo nido privato costa da 460 a 692 euro (da 420 a 650 nel 2008) mentre una baby sitter costa dai 7,50 ai 9 euro l'ora ( contro i 7-8 euro del 2008). Per aiutare le famiglie a sostenere questi costi il Governo ha predisposto una misura di sostegno alle famiglie che hanno avuto o adottato un figlio. A differenza del Bonus Bebé previsto negli scorsi anni, che consisteva in un contributo a fondo perduto (ad es. in Finanziaria 2006 era previsto un assegno una tantum di 1.000 euro), da quest'anno consisterà in un finanziamento fino a 5.000 euro, utilizzabili per qualsiasi tipo di spesa, e da rimborsare in cinque anni.

Noi pensiamo che: la natalità è a zero e il sostegno del Governo dovrebbe essere più consistente e costante.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
soleiris 82 mesi fa

scrivi il messaggioleggete questo articolo sul corriere.it di oggi........ http://www.corriere.it/cronache/10_febbraio_19/non_abortire_17_anni_28f0eeac-1d20-11df-b33e-00144f02aabe.shtml

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).