DAI PALAZZI14:04 - 25 febbraio 2010

Va alle mafie il 5,6 per cento del Pil dell'Italia

Alle mafie il 5,6 per cento del PIL d'Italia

di Lavinia Farnese
<p>Va alle mafie il 5,6 per cento del Pil dell'Italia</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Altro che Italia amore mio. A scansare certo lo scandalo per la canzone del Trio Pupo, Emanuele Filiberto, Luca Canonici a Sanremo, c'è questo dato: il 5,6% del nostro PIL lo controllano le mafie. Che vale a dire: le organizzazioni criminali che riciclano denaro, e fanno delle attività finanziarie illegali la loro agenda giornaliera, pesano sul nostro Prodotto Interno Lordo, sulla nostra ricchezza nazionale, qualcosa come 88 miliardi di euro. Così racconta un rapporto dell'istituto Demoskopika. Che ha analizzato le segnalazioni finanziarie sospette pervenute alla Direzione Nazionale Antimafia nel biennio 2007-2008. E ha fatto due conti: la Lombardia è in testa per numero di operazioni sospette, ma la metà delle indagini aperte sulla base di segnalazioni, riguardano le quattro regioni a maggiore permeabilità mafiosa, e cioè Sicilia, Campania, Puglia e Calabria. Cosa nostra e Camorra, comunque, sarebbero coinvolte nel 70% di queste indagini. Che otto volte su dieci riguardano istituti di credito.

Noi pensiamo che: 88 miliardi di euro. Che cosa potrebbe farci l'Italia con questo enorme gruzzolo?


Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).