DAI PALAZZI10:13 - 25 febbraio 2010

Italia Caruso: Io? Non sono la nuova Velina del Pdl

27 anni, laureata in Lettere e Filosofia

di Lavinia Farnese
<p>Italia Caruso: Io? Non sono la nuova Velina del Pdl</p>

È una quasi Velina di 27 anni. E correrà per il Pdl nel collegio di Cosenza (Calabria), candidato presidente Peppe Scopelliti. Italia Caruso, però, s'indigna se la si accomuna al «ciarpame senza pudore» sotto il grande abbraccio del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Se si fa, insomma, di tutta l'erba un fascio. Perché è vero. È arrivata in finale a Salsomaggiore al concorso di reginetta d'Italia nel 2001. Mancò il titolo di velina per un soffio nel 2004, «ero la favorita», ci dice, «con Sara Tommasi». E ancora prima Laura Chiatti le rubò la fascia di Miss Teenager, a soli 13 anni, ai lidi di Comacchio (Ferrara). Ma «sono una testa pensante, diamine». E ha tutta l'aria di essere vero. «Mi sono laureata in Lettere e Filosofia con una tesi sull'avanguardia tra teatro e danza, ho fatto l'inviata di Pianeta Mare su Rete 4».

E cosa c'entra, con la politica? «La politica è arrivata per caso. Mi ha contattato Scopelliti, sindaco di Reggio Calabria, attraverso un onorevole. Sono una donna del 2010. Non sono cresciuta a pane e politica. Non ho valori forti. Ma credo di poter fare tanto per la mia Calabria».
Cosa?

«Portare innovazione. E uno sguardo giovane. E spettacolo. Un'immagine di bellezza».
I tempi sono quelli che sono, la tendenza è evidente: dal palco allo scranno, da velina a onorevole.
«Anche i medici fanno politica, perché non possono le ragazze dei concorsi di bellezza? Bisognerebbe essere contenti che sulle poltrone degli assessorati inizino a sedersi le donne».
Tocca vedere come ci arrivano, a quelle poltrone.
«Sì, la bellezza aiuta. Anche per strada. Ti fanno passare con la macchina all'incrocio. O saltare la fila. E certo non hanno bussato alle porte delle mie cugine, benché laureate in giurisprudenza, e più competenti».
Scorciatoie?

«Mai prese. Ho un papà in pensione, ex ferroviere, e una mamma casalinga. Mi candido per realizzargli il secondo sogno. Il primo era la laurea, il terzo la famiglia. A 18 anni ero fuori di casa. Università a Roma. Poi Milano. Mai avute, insomma, relazioni pericolose».

E il premier, Silvio Berlusconi, l'ha mai incontrato?

«Non ancora».
Se la invitasse a una festa ci andrebbe?

«Valuterei».
È fidanzata?
«Da tre anni, e all'inizio, quando ha saputo che mi sarei candidata, ha storto il naso».
Vizio?

«Canto, ballo, saltello davanti allo specchio».
Italia Caruso. Quanto l'aiuterà il nome nazionalpopolare?
«Rimane impresso facilmente».
Sa che Michela Vittoria Brambilla, oggi ministro, nei primi  anni Novanta girava le notti di riviera con il dopo Festivalbar insieme a Giorgio Medail? E che Mara Carfagna, anche lei ministro, mandava in quei tempi le lettere ai giornali per diventare una star prima di entrare dalla porta principale di Palazzo Chigi?
«Non ci vedo nulla di male. Sono state ambiziose, e l'ambizione è un valore».
Come aspetta le elezioni?
«Sto facendo uno stage al Centro Epson Meteo di Cinisello Balsamo. Ma non diventerò mai come le meteorine di Emilio Fede».

Noi pensiamo che: a parole non sembra far parte del ciarpame senza pudore. Ma i fatti?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

È vero, abbiamo scritto che «a parole, Ilaria Caruso non sembra far parte del ciarpame senza pudore». Ma poi ci interroghiamo con voi: «Ma i fatti?». In fondo, questa Italia Caruso è sì una ex velina, ma come qualsiasi altra coetanea, da neolaureata sta facendo uno stage formativo. E se alla domanda: «E che c’entra lei con la politica?» ci ha risposto che la politica le è piovuta dal cielo, forse bisognerebbe interrogarsi sulla tirannia dell’immagine eretta a sistema, su chi ha trovato nella sua bellezza una competenza tanto vincente da bussarle alla porta. È dal sistema, appunto (che fa volare dal palco allo scranno, e tiene spesso troppo più in conto le forme onorevoli più che gli onorevoli curricula) che bisognerebbe sentirsi oltraggiati. Non credete?

joujou 78 mesi fa

Tutte le donne che lottano ogni giorno per affermarsi nelle professioni dovrebbero sentirsi assolutamente offese dall'intervista di questa velina mancata. Mi chiedo come abbia fatto la giornalista a concludere "A noi non sembra...". Capisco che il sito non sia proprio il clou dell'approfondimento politico, ma piuttosto una vetrina di belle foto di sfilate di moda, ma la politica è una cosa un po' più seria di questa. Io sono una donna, calabrese, pluriformata (ho un dottorato di ricerca), sono fuori casa da dodici anni e mi arrabbatto dalla mattina alla sera per mettere insieme i soldi per pagare le bollette. Non sono un cesso, ma non sono nemmeno una velina, e tutto quello che ho o non ho raggiunto me lo sono guadagnato con il cervello. E mi sento OLTRAGGIATA da quest'intervista

ivan 78 mesi fa

se la caruso va in politica povera calabria, ma berlusconi si fara un bel panino con la caruso visto che e una buona carne fresca e da macello, ma devi dure che essendo laureata, non ha una buona dialettica e non sa parlare ma e troppo incosciente e portera la calabria allo scatafascio, visto che a otto e mezzo doveva leggere gli appunti, ma non puo entrare in politicqa ci sono gia troppe persone che con la gavetta alle spalle non sono capaci di fare politica ma di prendere soldi

Brenn 78 mesi fa

Una candidatura di questo tipo si chiama, molto semplicemente, disprezzo per le istituzioni.

Mick 78 mesi fa

Povera Italia, (non la Caruso, ovviamente). Proprio ieri sera ho visto la candidata ad Otto e Mezzo e mi sono vergognata per lei. Non le basta parlare per stereotipi e banalissimi luoghi comuni (della serie: sguardo giovane della politica, attenzione ai giovani, la "mia" Calabria) il problema è che ma non sa proprio PARLARE, ergo, usare appropriatamente la lingua italiana. Eppure dice di essere laureata in "Lettere e Filosofia" ( che poi vuol dire tutto e niente perché Lettere e Filosofia comprende corsi di laurea che vanno da storia a scienze dello spettacolo). Comunque sia, se non avesse rimarcato il fatto di possedere una laurea, avrebbe per lo meno evitato di collezionare l'ennesima figuraccia. L'ultima di una lunga serie di autoumiliazioni ingenuamente inconsapevoli! Tanto per approfondire il profilo del soggetto in questione, vi invito a leggere la presentazione della Caruso su myspace.... per inorridire definitivamente. Passiamo ai punti dolenti..più volte la giornalista Grub

Brenn 78 mesi fa

Ma Enzo e Valeria parlano sul serio o fanno del sarcasmo?

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).