DAL MONDO12:42 - 26 febbraio 2010

Chiesa spagnola: «Si all'eucarestia per Juan Carlos, no ai parlamentari»

La Chiesa spagnola contro la legge sull'aborto

di Laura Cardia
<p>Chiesa spagnola: «Si all'eucarestia per Juan Carlos, no ai
parlamentari»</p>
PHOTO GETTY IMAGES

La Chiesa Cattolica non sfiderà la Corona spagnola sulla nuova Legge sull'Aborto appena approvata dal Parlamento di Madrid. Re Juan Carlos dovrà, infatti, firmare la legge affinché entri in vigore, ma la Conferenza Episcopale, che si è invano opposta nei mesi scorsi alla sua approvazione, ha fatto sapere che il sovrano continuerà a ricevere il Sacramento della Comunione. Non così i parlamentari: nel tentativo di bloccare la legge, infatti, i vescovi hanno stabilito mesi fa che i preti potranno negare l'Eucarestia a chi l'ha approvata.

«È singolare», aveva commentato allora il presidente della Camera dei Deputati José Bono, socialista e cattolico praticante «ad Augusto Pinochet, responsabile di migliaia di morti, diede la Comunione il Papa in persona, mentre io, che non mi considero un assassino, vengo tenuto lontano dai Sacramenti».

Re Juan Carlos potrà continuare a ricevere l'Eucarestia perché, ha spiegato il portavoce della Conferenza Episcopale Juan Antonio Martinez Camino, «è un caso unico, il fatto che lui debba firmare una legge lo mette in una posizione in cui non si trova nessun altro cittadino. Per cui non sono possibili principi generali in una situazione unica».

Noi pensiamo che: Insomma, il re, anche in questo caso, è più uguale degli altri.

Fonte[ Vanity Fair ]

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).