DALLA SOCIETA'17:37 - 02 marzo 2010

Roma: ora si curano gli Internet-dipendenti

Nasce a Roma l'ambulatorio che cura la dipendenza dalla tecnologia

di Greta Privitera
<p>Roma: ora si curano gli Internet-dipendenti</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

La computer dipendenza, Internet Addiction Disorder,  viene curata da 4 mesi all'ospedale Gemelli di Roma, si legge sul Corriere di Roma . Quello di Francesco è un classico caso di paziente che si rivolge all'ambulatoriodello psichiatra Federico Tonioni: è un ingegnere di 38 anni, bell'aspetto, non gli mancherebbe nulla per conquistare una ragazza. Ma c'è un problema: preferisce flirtare con la tastiera. «Notti insonni passate davanti al computer, chattando senza sosta con ragazze incontrate sul web. Il giorno dopo al lavoro mi sentivo praticamente un fantasma, assente, tanto da non accorgermi delle avance reali, quasi insistenti, di una mia collega». E ce ne sono tanti come lui. Un'altra è Manuela, ha solo quindici anni, l'hanno portata i suoi genitori preoccupati perché lei, invece, stava esagerando con tutti quegli sms, cinque, sei ore di fila al giorno.
Sono adolescenti o adulti, vittime dell'Internet Addiction Disorder: dipendenza patologica da internauti con disturbi di comportamento ossessivo verso il web e la tecnologia. Da qualche mese al Policlinico Gemelli è attivo uno sportello in cui è possibile raccontare le proprie dipendenze tecnologiche e ricevere un aiuto appropriato. Lo psichiatra responsabile del centro, Federico Tonioni, dice che «C'è poco da distinguere sui sintomi: sono gli stessi dei tossici in crisi di astinenza. Noi cerchiamo di contenere quel malessere apparentemente subdolo che in assenza di Internet si trasforma in paura di perdere il controllo della situazione».


Noi pensiamo che: Internet è un'arma a doppio taglio. Basta non esagerare, come in tutte le cose.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).