DAL MONDO11:38 - 03 marzo 2010

Che ridere, arriva Sarah Palin. E lei protesta

La vice di John McCain è stanca di essere presa in giro

di Greta Privitera
<p>Che ridere, arriva Sarah Palin. E lei protesta</p>
PHOTO SPLASH NEWS

La conservatrice Sarah Palin, vice di John McCain alle elezioni presidenziali americane del 2008, al The Tonight Show di Jay Leno si è detta stanca di essere ridicolizzata dai mezzi d'informazione. Si era presentata agli elettori come mamma modello, ma poi i suoi (tanti) scheletri nell'armadio l'hanno tradita e uno a uno sono usciti sotto gli occhi di tutti, mostrando una Sarah inaspettata e tramutandola in un facile bersaglio dei comici. Del resto, lei offre il fianco a molte prese per i fondelli: quando la Palin si presenta ai comizi con i discorsi riassunti per punti sul palmo della mano, è impossibile non sorridere di lei. Ma la Palin è bersaglio anche per via della sua famiglia.
Il figlio drogato, la figlia minorenne incinta, foto osé e supposti tradimenti non l'hanno aiutata ha creare l'immagine della mamma dolce che lei vorrebbe offrire.
E da Leno la Palin ha puntato il dito contro la puntata di Family Guy, i Griffin, che ha scherzato su l'handicap del figlio più piccolo, di 22 mesi, e si dice amareggiata del fatto che non abbia avuto nessuno spazio televisivo adeguato dove poter ribattere alle offese subite. A dirla tutta, la Palin non è nuova a questo genere di attacchi. Sino a qualche mese fa ad esempio, David Letterman aveva inventato una rubrica ad hoc per l'uscita del libro autobiografico dell'ex governatrice dell'Alaska. La rubrica si intitolava Cose più divertenti da fare che leggere il libro di Sarah Palin.

Noi pensiamo che: ma lo sa, Sarah Palin, che in Italia è presa di mira da Paola Cortellesi?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).