DALLA SOCIETA'11:50 - 08 marzo 2010

8 marzo, addio mimosa: vincono silicone e tacchi alti

Un sondaggio di Virgilio fa sapere ch ela mimosa non è vista più come simbolo della donna

di Greta Privitera
<p>8 marzo, addio mimosa: vincono silicone e tacchi alti</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Il fiore giallo non è più percepito come il simbolo della festa della donna. Questo è il primo dato emerso da un'indagine di Virgilio, il portale di Telecom Italia, che ha chiesto ai navigatori italiani se per la Festa della Donna avesse ancora senso regalare la mimosa.

Per il 61% dei votanti la mimosa non sembra essere più il fiore identificativo della donna moderna. La stragrande maggioranza del pubblico, non solo femminile ma anche maschile, identifica la donna con simboli molto più concreti che, per il 45,7%, coincidono con silicone e tacchi alti.

Per il 20,4% dei votanti, invece, il simbolo della donna moderna è la bacchetta magica, unico strumento in grado di giustificare l'incredibile abilità con la quale il gentil sesso riesce a divincolarsi tra i molteplici ruoli quotidiani: instancabile lavoratrice, custode del focolare domestico e mamma affettuosa. Il 17,7% degli utenti, invece, vede nello smartphone e nella borsa da lavoro gli strumenti utilizzati dalle manager per concludere in qualsiasi momento una importante transazione o, più semplicemente, per arrivare a ricoprire nel più breve tempo possibile un ruolo di rilievo all'interno della società.

Per l'8,1% dei votanti, invece, il simbolo della donna non può che essere "la borsa Kelly" emblema di una figura femminile elegante e alla moda. A questi, infine, si contrappone un altro 8,1% dei votanti per i quali la donna prima di tutto è mamma e niente può rappresentarla meglio di una bici con porta bebè.

Noi pensiamo che: preferiamo essere identificate con la bacchetta magica che con il silicone


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).