DALLA SOCIETA'11:27 - 09 marzo 2010

Lo stress più grande per le mamme: accompagnare i figli a scuola

Così racconta una ricerca commissionata dalla Uniroyal della Continental Rubber

di Lavinia Farnese
<p>Lo stress più grande per le mamme: accompagnare i figli a
scuola</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

L'ora dello stress, per le mamme di ogni dove, sono le 8.25. Quando l'orologio al polso corre, come la macchina, per accompagnare i propri figli a scuola. È un sondaggio anomalo, su 22 donne con pargoli, quello commissionato dalla Uniroyal della Continental Rubber, che è il primo produttore europeo di pneumatici.
Le madri, secondo questo studio, inizierebbero a fibrillare sull'orlo di una crisi di nervi una volta chiuso lo sportello dell'automobile e ingranata la prima verso la campanella a cui devono arrivare puntuali i propri bambini. In compenso, svegliarli, tirarli giù dal letto, vestirli, preparargli colazione, merenda e cartella, è un gioco da ragazze.
A esaurirle - ancora assonnate - nel tragitto, è l'adrenalina che scorre invece nei bimbi: che sveglissimi piangono, spingono per sapere quando la scuola finirà, vogliono tornare a casa, o fanno mille domande. Ma se anche fossero presi dal torpore mattutino, e se ne stessero buoni buoni, muti muti, si beccherebbero comunque le strigliate del 42% delle mamme.
Le giornate peggiori, restano quelle di pioggia. Perché tutte prendono l'automobile. A piedi o in bus, racconta ancora la ricerca, si scaricherebbero. Come accade nei 15 minuti di guida che seguono all'aver lasciato i piccoli a scuola. Quando tirano un sospiro di sollievo. E, scuola che si allontana nello specchietto retrovisore, vanno verso la loro giornata.

Noi pensiamo che: se il cattivo umore si concentra nei primi sessanta minuti della giornata, dopo non può che andare tutto meglio, no?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
vuvu 81 mesi fa

Ma che davero? Non lo sapevo!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).