DAL MONDO12:38 - 17 marzo 2010

Almodòvar firma appello contro le carceri a Cuba

Sul blog orlandozapatatamayo.blogspot.com

di Laura Cardia
<p>Almodòvar firma appello contro le carceri a Cuba</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Ci sono anche Pedro Almodóvar, il filosofo Fernando Savater, lo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa e la blogger cubana Yoani Sánchez tra gli oltre 5mila cittadini che in soli quattro giorni hanno firmato l'appello lanciato da un blog spagnolo per chiedere «la scarcerazione immediata e senza condizioni di tutti i prigionieri politici nelle carceri cubane». Il blog è nato per «difendere la dignità e il coraggio di Orlando Zapata Tamayo, ingiustamente incarcerato e brutalmente torturato nelle prigioni castriste, morto per sciopero della fame, denunciando questi crimini e la mancanza di diritti e democrazia nel suo Paese».
In Spagna c'è una guerra di comunicati e di iniziative sui diritti umani a Cuba, dopo che l'attore Willy Toledo ha definito Zapata Tamayo «un prigioniero comune» e Miguel Bosé ha sostenuto che «non sappiamo cosa sia vero e cosa no delle cose che si dicono di Cuba». Il Governo di Zapatero, inoltre, è sempre stato piuttosto comprensivo con il regime dei Castro. Per questo la decisa presa di posizione di Pedro Almodóvar, vicinissimo ai socialisti, risulta sorprendente, quasi una presa di distanza da colleghi e Governo amici. Evidentemente per il grande regista manchego, valgono i diritti e la libertà, prima di ogni altra valutazione.

Noi pensiamo che: possibile che anche le torture dividano?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).