DAL WEB14:48 - 19 marzo 2010

Castiglione della Pescaia, numero chiuso per gli ambulanti sulle spiagge

L'ordinanza del Comune regolarizza gli ambulanti

di Alessandra D'Angiò
<p>Castiglione della Pescaia, numero chiuso per gli ambulanti sulle
spiagge</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Un concorso pubblico anche per fare il venditore ambulante di collanine e affini in spiaggia, o per strada. L'ha stabilito il Comune di Castiglione della Pescaia (Grosseto) che, in vista della prossima estate, ha deciso di abbandonare la tolleranza zero degli anni scorsi per passare a una regolamentazione "a numero chiuso" del settore del commercio balneare. Sui 18 chilometri di litorale del Comune, quindi, saranno ammessi soltanto i 25 venditori ambulanti del settore non alimentare e gli 8 commercianti itineranti di cibo e bevande, dal cocco ai gelati, che avranno superato il bando di gara. Per tutti gli altri, l'ingresso alla spiaggia sarà rigorosamente vietato e multato in caso di trasgressione.
Una regolamentazione che, spiegano dal Comune, nasce «per offrire un servizio in più ai bagnanti e per tenere sotto controllo il flusso di extracomunitari che ogni anno invade le spiagge della costa». Per ottenere la licenza, gli interessati dovranno presentare la loro domanda entro il 7 aprile. Due i requisiti fondamentali: il possesso del permesso di soggiorno e l'autorizzazione di commercio sulle aree pubbliche. In caso di sovrabbondanza di richieste rispetto al numero di posti disponibili, i "vincitori" della licenza saranno selezionati in base ad alcuni criteri, come l'anzianità di presenza autorizzata sulle spiagge o la data di iscrizione alla Camera di Commercio.

Noi pensiamo che: ma devono pagare le tasse? Ei controlli chi li fa?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
strarotto 74 mesi fa

Bene, anche troppi i permessi... Sarebbe ora che il turista venga protetto dai fastidiosi ambulanti, specie quelli che ti piazzano la merce davanti la sdraio sulla spiaggia e stanno li anche alcun ore a gridarti nelle orecchie. 3 euro 3 euro 3 euro 3 euro. Rimpatriamoli, se non hanno un lavoro regolare! No lasciarli a fare i loro comodi arroganti.

elena 75 mesi fa

salve eu credo che dobiamo tuti mangiare e vivere trancuili

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).