DAI PALAZZI11:01 - 22 marzo 2010

Il ministro Gelmini va in maternità

Mariastella Gelmini prossima al parto da oggi sta a casa

di Lavinia Farnese
<p>Il ministro Gelmini va in maternità</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Se le sue intenzioni di venerdì non sono mutate in questo week-end, oggi, Mariastella Gelmini, non andrà al ministero. Nei corridoi si racconta che quella passata sia stata l'ultima settimana di servizio, per lei, la ministra dell'Istruzione appena entrata nel nono mese di dolce attesa, che ad aprile se non prima darà alla luce Emma, figlia anche di Giorgio Patelli, l'immobiliarista bergamasco con un matrimonio alle spalle, sposato col pancione a Sirmione il 23 gennaio scorso. Primo giorno di maternità che non t'aspetti: quando annunciò di essere incinta, si affrettò nelle rassicurazioni, «Quanto mi fermerò? Io non starò a casa neppure un giorno», disse, aggiungendo però che avrebbe avuto bisogno di una nursery al ministero (come già allestirono Irene Pivetti e Stefania Prestigiacomo).
Insomma: doveva fare come la collega ministra della difesa spagnola Carme Chacon, che a gravidanza avanzata visitò i contingenti in Kosovo e Afghanistan, o come la francese Rachida Dati, che quand'era ministra della giustizia a cinque giorni dal cesareo si presentò addirittura in tacchi a spillo a lavoro (dove tornò cinque giorni dopo, il parto). E invece no: da oggi non si prendono appuntamenti in agenda. Già nella manifestazione romana del Pdl, organizzata sabato 20 marzo per salvare Renata Polverini da elezioni regionali al cardiopalma, Mariastella è stata la grande assente. La più applaudita. Con gli auguri dal palco di Ignazio La Russa: «Che lo faccia nascere oggi», ha sperato invano. Che ci sia da aspettarsi un travaglio anticipato?


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Amelia 78 mesi fa

Povera Stella, speriamo che vada tutto dritto: avere il primo parto a 38 anni a volta presenta dei rischi...... Preghiamo per San Precario.-

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).