DAL MONDO16:45 - 25 marzo 2010

Obama, con la riforma sanitaria può cambiare la tavola

Dai fast food ai distributori

di Lavinia Farnese
<p>Obama, con la riforma sanitaria può cambiare la tavola</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

C'è un'altra faccia, della riforma sulla sanità di Barack Obama, oggi rinviata alla Camera per un difetto nelle votazioni. Quella che gli americani faranno davanti ai menu di Mac Donald, Burger King, davanti alle merendine. Davanti alle bevande gasate e ai popcorn. Le 900 pagine della legge, lette tra le righe, sono un colpo mortale alle abitudini alimentari Oltreoceano. A partire dalle tavole dei fast-food. Le grandi catene, avranno infatti l'obbligo di indicare nel menu la quantità di calorie dei pasti, e il fabbisogno medio giornaliero. Così, chi si siede a consumare, non potrà ingannarsi. La Food and drug administration vigilerà a che sia ben visibile che in un solo hamburger Bic Mac, ad esempio, ci sono ben 540 calorie, il 27% del massimo consentito per evitare di prendere peso. E nel corrispettivo di Burger King addirittura 670. E che nelle merendine al cioccolato si sgranocchiano senza pensieri 400 calorie: una bomba. Però, queste regole severe sono un bel rimedio, contro l'obesità, per cui la moglie del presidente, Michelle Obama si sta battendo tanto. Le macchinette che distribuiscono snack davanti cui si consumano le pause lavoro, anche loro, dovranno scrivere l'apporto calorico dei prodotti che erogano, insieme a quelle merendine. Guerra aperta, dichiarata, quindi, a sale, zuccheri e calorie. Che alla lunga fanno obesi gli uomini.
Ma anche lontano da tovaglie, tovagliette, bicchierini di plastica e bustine di condimenti vari della ristorazione collettiva, la storia non cambia: tutto quel che fa male, è condannabile. Anche per le celebrity golose di carboidrati e tintarelle.
Le lampade abbronzanti, per esempio: incidono sul numero dei tumori. Per l'Organizzazione Mondiale della Sanità, gli effetti cancerogeni dei solarium sono «sicuri». Quindi, pagheranno il prezzo con una nuova imposta, addizionale, del 10%.

Noi pensiamo che: la lotta all'obesità rientra nella riforma sanitaria, no? Ebbene sì. E parte dalle briciole.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).