DAL MONDO15:01 - 29 marzo 2010

Francia, Easy Jet lascia una disabile a terra

Marie-Patricia Hoarau è stata fatta scendere dall'aereo perché senza accompagnatore

di Lavinia Farnese
<p>Francia, Easy Jet lascia una disabile a terra</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Sta sulla sedia a rotelle da quando, ragazzina, un incidente in mountain bike le ha tolto l'uso delle gambe. Marie-Patricia Hoarau, oggi 38enne, è in viaggio da Parigi dova ha la famiglia a Nizza dove ha la casa con l'Easy Jet. Non è la prima volta e non ha mai avuto un problema. Fino all'ultima volta. Quando appena salita sull'aereo, uno steward, consultato il comandante, l'ha invitata a scendere. Non poteva volare, perché non aveva un accompagnatore e questo rappresentava un pericolo alla sicurezza del volo. Il tutto, mentre gli altri passeggeri, mossi a pietà, fischiavano, si offrivano di prendersi sulle proprie spalle ogni responsabilità. La donna, riaccompagnata in aeroporto da un'hostess, ha denunciato l'ingiustizia alla Halde, l'Alta autorità di lotta contro le discriminazioni e per l'uguaglianza. L'Easy Jet, intanto, si giustifica: «Seguiamo la regolamentazione europea, per cui è necessario poter evacuare un aereo in 90 secondi». Aperta un indagine interna. Dopo averle regalato un biglietto gratis per il volo successivo. Una volta reclutato un accompagnatore, Marie - Patricia, si è potuta imbarcare. Arrivando a destinazione con tre ore di ritardo.

Noi pensiamo che: va bene le procedura ma a volta serve un po' di elasticità


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Alberto 80 mesi fa

Forse non tutti sanno che ieri 2-4-2010 all'inizio del ponte di pasqua a Parigi C.De Gaulle più di 300 passeggeri, maggioranza italiana, sono rimasti a terra senza una spiegazione sui voli cancellati per milano e venezia. Molti saranno costretti a ripartire addirittura di domenica e nessuno dice niente. Grazie a tutte le testate giornalistiche. Alberto

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).