DALLA SOCIETA'15:36 - 30 marzo 2010

Il fumo nuoce gravemente alla… intelligenza

Le sigarette secondo una ricerca del Tel Hashomer Hospital di Israele farebbero male oltre che alla salute anche alla testa

di Alessandra D'Angiò
<p>Il fumo nuoce gravemente alla… intelligenza</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Che facesse male alla salute, alla bellezza e al portafoglio, si sapeva da anni. Ora si scopre che il fumo potrebbe nuocere gravemente anche all'intelligenza. A dirlo è un recente studio, condotto su un campione di 20mila persone, dal Tel Hashomer Hospital di Israele secondo il quale, a parità di condizioni socioeconomiche, i giovani fumatori (quelli della fascia compresa tra 18 e 21 anni) hanno un Quoziente Intellettivo più basso. Una differenza di intelligenza particolarmente evidente, secondo i dati dei ricercatori israeliani, tra i fumatori più accaniti: i giovani ragazzi che si concedono un pacchetto al giorno, infatti, hanno un QI medio di 94 punti, ovvero inferiore di circa 7 punti rispetto alla media di 101 registrata dai loro coetanei che, invece, non hanno alcune dipendenza "da bionda". Ancora più evidente lo scarto tra i fumatori che superano le 20 sigarette giornaliere: nel loro caso, la media è di soli 90 punti. Resta ancora da chiarire, però, se è il fumo a causare un calo del livello intellettivo o se, al contrario, le persone meno intelligenti sono quelle più propense ad accendersi una sigaretta.

Noi pensiamo che: c'è sempre un buon motivo per non essere intelligenti.


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
MissClaudina 79 mesi fa

"Resta ancora da chiarire, però, se è il fumo a causare un calo del livello intellettivo o se, al contrario, le persone meno intelligenti sono quelle più propense ad accendersi una sigaretta." Questa sarebbe la cosa più importante da capire, secondo me. Quindi spero si arrivi presto alla giusta interpretazione della connessione fumo-bassoQI! :)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).