DAL WEB18:43 - 31 marzo 2010

Caso Elisa Claps, nessuna prova dello stupro

Lo racconta a Vanitypeople la polizia scientifica

di Tamara Ferrari
<p>Caso Elisa Claps, nessuna prova dello stupro</p>
PHOTO GETTY IMAGES

«Prima di parlare di violenza sessuale su Elisa Claps, sarebbe meglio attendere i risultati dell'autopsia. E per quelli ci vorrà ancora qualche giorno». Lo hanno precisato a VanityPeople fonti della polizia scientifica, dopo che alcuni quotidiani hanno pubblicato la notizia che la ragazza scomparsa da Potenza il 12 settembre del 1993 e ritrovata morta il 17 marzo nella centrale Chiesa della SS Trinità sarebbe stata stuprata prima di essere uccisa.
«Forse sono state travisate le parole del perito della famiglia Claps che ha detto che c'è stata violenza, ma non necessariamente sessuale», hanno aggiunto.
Ci vorrà ancora quindi ancora qualche giorno per poter capire che cosa è accaduto nella Chiesa della Ss. Trinità di Potenza, dove nel sottotetto sono stati trovati i resti della sedicenne. Il principale indiziato per il delitto rimane, al momento, Danilo Restivo, l'ultima persona ad aver visto, in quella chiesa, la ragazza viva. Nel frattempo, la madre di Elisa ha fatto sapere di voler celebrare i funerali della figlia all'aperto: «In quella chiesa c'è già stata per diciassette anni», ha detto.

Fonte[ Vanity Fair ]

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).