DAL MONDO15:27 - 02 aprile 2010

Primavera, Michelle Obama fa l'ortolana per il bene degli americani

La primavera si fa sentire anche a Washington. Michelle Obama oggi ha riaperto l'orto dietro la Casa Bianca per seminare le nuove verdure

di staff Style.it
<p>Primavera, Michelle Obama fa l'ortolana per il bene degli
americani</p>

La primavera si fa sentire anche a Washington. Michelle Obama oggi ha riaperto l'orto dietro la Casa Bianca per seminare, assieme a due scolaresche, le nuove verdure. Piselli, rapanelli, insalata, broccoli.

La moglie del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, assieme alle figlie Sasha e Malia, s'è tirata su le maniche per lavorare la terra con i bambini della scuola elementare Bancroft di Washington e quelli della Hollin Meadows di Alexandria. Entrambe le scuole hanno orti che la First lady ha già visitato. Il raccolto dell'anno scorso è servito a sfamare un po' gli abitanti della Casa Bianca e una comunità di homeless, ha raccontato Michelle ai piccoli.

La signora Obama ha aggiunto di voler insegnare a tutti come coltivare verdure che fanno bene alla salute, per gustare insieme sapori perduti. Alla fine della semina, Michelle e i ragazzini hanno improvvisato una danza della "buona crescita". Raggiunti dal capo ortolano, Sam Kass, hanno alzato le mani al cielo, in allegria.

E poi, sono stati raggiunti dal ministro dell'Agricoltura Tom Vilsack e da quello della Sanità, Kathleen Sebelius. A dimostrazione che l'orto e la salute viaggiano di pari passo e sono di interesse nazionale.

 

 


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Gianfranco 77 mesi fa

Al di la' del Ministero dell'agricoltura, della Santa' Americana, con la sua semplicita', ha voluto far credere a tutti i potenti la sua umilta',semplicita', che donne che sono entrate alla Casa Bianca nessuno a mai fatto. Brava.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).