DAL MONDO11:09 - 09 aprile 2010

Mephedrone, arriva la droga legale che uccide

La drtoga sintetica legale

di Greta Privitera
<p>Mephedrone, arriva la droga legale che uccide</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Si chiama mephedrone, l'ultima delle droghe ad aver invaso le discoteche inglesi, e si sta diffondendo sempre più rapidamente anche in Italia. È legale, viaggia su Internet e sta mietendo vittime in Inghilterra e nei Paesi del Nord Europa. Il governo inglese sta stringendo la morsa per metterla al bando. «Serve una revisione molto rapida e molto attenta della normativa», ha detto in Parlamento il ministro delle Attività Produttive Mandelson. Dopo due anni di sostanziale clandestinità il mephedrone è finito sui giornali e in tv perché responsabile delle morti di Louis Wainwright e Nicholas Smith, due adolescenti che avevano assunto la sostanza mescolandola con alcolici e di quella di una ragazza di ventiquattro anni, Lois Waters. «Il mephedrone è come l'ecstasy alla fine degli anni Ottanta», dice il professore Les Iversen, consigliere del governo inglese in materia di tossicodipendenze.



Acquistarlo è semplicissimo: basta collegarsi a uno dei centinaia siti online che effettuano spedizioni in tutta Europa, registrarsi inserendo nome e indirizzo, pagare con la carta di credito e aspettare una settimana per trovarsi una bustina nella buca delle lettere. Un grammo costa intorno ai 10 euro e non ci sono rischi perché la sostanza non è ancora stata inserita nella lista nera del governo inglese. Anche se i medici mettono in guardia: «E' legale, ma può uccidere».

Ora è sbarcata anche in Italia, e sui blog i "clienti" si scambiano impressioni e consigli. «Ho aperto la mia bustina e ho buttato tutto in gola», racconta Leila 80. M.87 sconsiglia l'uso della polvere: «Il cuore era come impazzito, ho l'ansia da giorni. Chi prende il "meow meow" è un pazzo».

 

CLICCA QUI PER LEGGERE LE ALTRE NEWS


Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).